fbpx

MLRS M270A2 per l’Esercito Italiano

Il Dipartimento della Difesa degli Stati Uniti ha assegnato a Lockheed Martin un contratto del valore di 194 milioni di dollari per aggiornare i Multiple Launch Rocket System (MLRS) M270 allo standard A2.

In particolare, le modifiche riguarderanno gli MLRS in servizio con il British Army (44 esemplari prima del trasferimento di alcuni di questi sistemi alla Ucraina) e con l’Esercito Italiano (21 esemplari).

La commessa sarà completata entro la fine del mese di settembre del 2027.

Gli M270A2, a differenza delle precedenti versioni, sono in grado di impiegare i Guided MLRS Extended Range (GMLRS-ER) con portata di 150 km, il Precision Strike Missile (PrSM) con portata superiore i 499 km.

Infatti, la nuova versione del M270 è in grado di lanciare, rispettivamente fino a 12 GMLRS/GMLRS ER, 4 Precision Strike Missiles (PrSM) o due Army Tactical Missile System (ATACMS).

Gli MLRS M270A2 sono dotati di un nuovo motore da 600 cavalli con trasmissione aggiornata e ricostruita, di una cabina blindata migliorata (IAC) anche per la protezione da IED (ordigni esplosivi improvvisati), di un sistema CFCS (Common Fire Control System) che permette l’impiego di GMLRS, GMLRS ER e PrSM e di componenti di sistema migliorati.

Il lanciarazzi MLRS M270A2 potenziato può ingaggiare e riposizionarsi ad alta velocità, riducendo drasticamente la capacità di un avversario di localizzare il sistema ed essere ingaggiato dal fuoco di controbatteria.

L’US Army ha ricevuto il primo M270A2 ammodernato nel luglio dello scorso anno; i programmi dell’US Army prevedono di mantenere in linea questi sistemi aggiornati sino al 2050. Attualmente, Lockheed Martin sta lavorando i primi cinquanta esemplari per l’US Army su un totale di 225 M270A1 che saranno sottoposti ad aggiornamento così come i precedenti 160 M270A0 dismessi ed in origine destinati alla smilitarizzazione.

Foto @US Army

Articolo precedente

Ordinata la costruzione di altri 126 F-35 del lotto 17

Prossimo articolo

L’US Army ferma tutti gli elicotteri dopo due incidenti in un mese

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Ultime notizie