Mosca potenzierà la difesa aerea ed antimissile del 80% nei prossimi anni in funzione anti NATO

0
309

Il Presidente russo Vladimir Putin ha rivelato lunedì che le FF.AA. riceveranno nei prossimi anni circa 200 velivoli, 26 sistemi di difesa aerea S-350 e S-400, oltre una serie di nuovi di sistemi antimissile S-500 Prometheus per contrastare la NATO.

Questo sforzo sarebbe giustificato dalla situazione militare e politica generale, compresa la crescente intensità dei voli aerei della NATO vicino alla Russia e la comparsa di navi dell’alleanza con armi missilistiche guidate nelle acque del Mar Baltico e del Mar Nero, secondo il Presidente russo.

Secondo Putin i piani degli Stati Uniti di schierare missili a medio e corto raggio in Europa rappresenterebbero un ulteriore “grande pericolo e minaccia” per la Russia e, pertanto, Mosca aumenterà la quota di armi avanzate nelle truppe di difesa aerea ed anti-missili balistici (ABM) all’80% entro il 2025-2027.

Inoltre, un’attenzione particolare dovrà essere prestata allo sviluppo di un sistema centralizzato di comando e controllo della difesa aerospaziale, che integri sottosistemi di ricognizione e di allarme rapido per attacchi aerospaziali nello spazio unico delle informazioni e che disponga di sistemi spaziali avanzati. Nel disegno presidenziale il sistema di difesa aerospaziale aggiornato dovrà rilevare tutti i tipi di bersagli ipersonici e balistici a grandi distanze per essere in grado di distruggerli lungo l’intera traiettoria di volo.

Infine, il comparto industriale militare è stato sollecitato ad aumentare il ritmo di sviluppo delle armi moderne per la difesa aerospaziale, per ottenere in breve tempo la loro produzione in serie. 

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui