fbpx

Nasce la Fondazione Gran Sasso Tech tra Gran Sasso Science Institute e Thales Alenia Space

Il Gran Sasso Science Institute e Thales Alenia Space (joint venture tra Thales 67% e Leonardo 33%), hanno annunciato la nascita della fondazione “Gran Sasso Tech” che ha l’obiettivo di stimolare la ricerca e l’innovazione.

L’intesa tra la scuola superiore universitaria con sede a L’Aquila e l’azienda leader nei sistemi satellitari è stata siglata oggi da Eugenio Coccia, rettore del GSSI, e da Massimo Claudio Comparini, Amministratore Delegato di Thales Alenia Space Italia, alla presenza del Ministro dell’Università e della Ricerca Maria Cristina Messa.

Questa nuova Fondazione nasce al momento giusto – ha detto il ministro Messa – Ci troviamo, infatti, in una fase straordinaria per sviluppare iniziative e progetti legati all’innovazione tecnologica e per attivare sinergie tra enti di ricerca, istituti di alta formazione e imprese. Lavorare insieme in modo strutturato e non occasionale permette di moltiplicare l’impatto dell’innovazione e far crescere il Paese, creando progetti attrattivi sia per gli investimenti pubblici che privati.

Grande soddisfazione è stata espressa dal rettore Coccia:

Il Gran Sasso Science Institute è stato creato, come recita la sua legge istitutiva, per rafforzare il sistema di alta formazione e le sinergie tra ricerca di base e industria. La nascita della Fondazione Gran Sasso Tech – spiega Coccia – va vista come un adempimento di questa volontà e un innovativo esempio di ponte tra accademia e impresa. La collaborazione esistente con Thales Alenia Space Italia su diversi progetti con importanti finanziamenti pubblici ed investimenti privati sboccia oggi in una nuova originale partnership pubblico/privata per l’innovazione.

Quello che celebriamo oggi – ha commentato l’ad di Thales Alenia Space Italia Comparini – è il risultato di una pluriennale e proficua collaborazione con il GSSI con l’obiettivo di tradurre fattivamente il legame tra ricerca di base, ricerca applicata e sviluppo industriale nel dominio spaziale ad alta tecnologia. La nascita della fondazione Gran Sasso Tech rappresenta certamente una grande opportunità, in linea con le indicazioni europee e del PNRR, a supporto della ricerca e dell’innovazione per uno sviluppo della società della conoscenza a beneficio del territorio.

Tra gli obiettivi di Gran Sasso Tech c’è il rafforzamento dello scambio tra la ricerca di base che si svolge in ambito universitario e quella applicata e industriale, con una particolare attenzione ai settori dello spazio, delle tecnologie al silicio e dei sistemi software.

La Fondazione sarà dotata di laboratori che vedranno lavorare insieme i tecnici e gli ingegneri di Thales Alenia Space e gli studenti e i ricercatori del GSSI. Sono già state individuate alcune aree di interesse comune:

  • Design di missioni spaziali ad alta complessità e sviluppo di payload per missioni scientifiche;
  • Caratterizzazione componenti tecnologici per lo spazio;
  • Sviluppo di tecnologie quantistiche per applicazioni spaziali;
  • Sviluppo e applicazioni di Artificial Intelligence, Blockchain e Advanced Software;
  • Sviluppo piattaforme di Concurrent Engineering e di Digital Twins.

Oltre alla ricerca, la fondazione Gran Sasso Tech si dedicherà anche alla formazione e all’informazione. I laboratori della Fondazione formeranno risorse provenienti dall’industria e dalla ricerca che acquisiranno capacità progettuali, di innovazione, gestionali e di leadership, in un contesto internazionale, flessibile e aperto alla contaminazione fra differenti estrazioni, culture, tecnologie e competenze. Il GSSI potrà istituire Dottorati Industriali e Dottorati Executive ad hoc. La Fondazione, inoltre, svolgerà anche attività di sensibilizzazione e informazione verso il pubblico e verso le istituzioni, su tematiche rilevanti alle proprie finalità.

I primi partner fondatori della Gran Sasso Tech sono il Gran Sasso Science Institute (GSSI) e Thales Alenia Space ma altri soggetti pubblici e privati potranno aggiungersi, sia come Fondatori, sia come Partecipanti Istituzionali o Aggregati.

Articolo precedente

L’Australian Army acquista 24 UAV Boeing Insitu Integrator

Prossimo articolo

Sei elicotteri AW189 per compiti di ricerca e soccorso in mare per il Dipartimento di Salvataggio del Ministero dei Trasporti della Cina

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Articolo precedente

L’Australian Army acquista 24 UAV Boeing Insitu Integrator

Prossimo articolo

Sei elicotteri AW189 per compiti di ricerca e soccorso in mare per il Dipartimento di Salvataggio del Ministero dei Trasporti della Cina

Ultime notizie