Navantia ha consegnato la seconda corvetta Avante alla 2200 Reale Marina dell’Arabia Saudita

0
49

Navantia ha consegnato alla Royal Saudi Navy la seconda delle cinque corvette costruite nei suoi cantieri navali nella baia di Cadice, la costruzione 547, denominata Al-Diriyah, in una cerimonia tenutasi presso le strutture del cantiere di San Fernando. La consegna è stata effettuata presso la darsena del cantiere ed è stata assistita dal suo personale.

Alla cerimonia di consegna hanno partecipato il comandante della Royal Saudi Navy, il vice ammiraglio Fahad Bin Abdullah Al-Ghofaily; il Segretario di Stato alla Difesa, María Amparo Valcarce; il presidente di Navantia, Ricardo Domínguez; Il CEO di SAMI Walid Abukhaled; il direttore generale degli armamenti e dei materiali (DIGAM), l’ammiraglio Aniceto Rosique e il sindaco di San Fernando, Patricia Cavada.

Navantia ha consegnato la corvetta Al-Diriyah alla Royal Saudi Navy tre anni dopo aver tagliato la sua prima targa (maggio 2019), rispettando scadenze impegnative nonostante la pandemia sanitaria e la tensione di approvvigionamento globale. È una delle navi più competitive e capaci del suo segmento, come è stato dimostrato nelle prove in mare effettuate nelle acque della baia di Cadice.

Durante l’evento, svolto secondo il protocollo militare, una commissione d’ispezione mista (formata da membri della Royal Saudi Navy e Navantia) è salita a bordo della corvetta per effettuare la revisione obbligatoria. Alla sua conclusione, la bandiera della nave fu alzata, dopodiché la Marina saudita trasferì il comando della corvetta al comandante di Al-Diriyah. Il presidente di Navantia ha donato al vice ammiraglio Al-Ghofaily la campana della nave come dono istituzionale.

Alla cerimonia, il Segretario di Stato alla Difesa ha sottolineato che questa nave è un ottimo esempio della qualità dei cantieri spagnoli, della cooperazione industriale e commerciale tra i nostri paesi, che ha garantito l’attività economica di più di cento aziende e 6.000 posti di lavoro nella baia di Cadice. “Alla corvetta Al-Diriyah, ai suoi ufficiali e all’equipaggio, pace, buon mare e venti”, ha detto María Amparo Valcarce.

Il presidente di Navantia, Ricardo Domínguez, ha ringraziato “la collaborazione di tutti coloro che sono coinvolti nel grande compito svolto dal cantiere, fornendo prodotti e servizi all’avanguardia e mostrando così al mondo le capacità” dell’azienda.

Si è congratulato con le persone che lavorano al programma. “Voi siete i grandi protagonisti. Come risultato dei vostri sforzi, questa seconda corvetta costruita per la Marina saudita salperà presto. Per questo oggi sono ancora più convinto che Navantia abbia un grande futuro. È un’azienda strategica che contribuisce, con navi come questa, a migliorare la sicurezza e la difesa dei cittadini di qualsiasi Paese del mondo. Continueremo a essere il motore della crescita economica e dell’occupazione, perché i nostri cantieri navali nella baia di Cadice continueranno a promuovere il progresso della regione e la nostra trasformazione digitale”, ha rimarcato.

Il vice ammiraglio Al-Ghofaily, da parte sua, ha sottolineato che la consegna della corvetta “segna le ultime e importanti pietre miliari della sua vita produttiva, durata 38 mesi durante i quali le migliori tecnologie sono state dedicate alla sua costruzione e integrazione. con lo stato -sistemi di combattimento all’avanguardia.

“Alsarawat e molti altri ambiziosi programmi di acquisizione RSNF sono un chiaro impegno delle Royal Saudi Naval Forces nel raggiungimento degli obiettivi strategici della Vision 2030 del regno, creando una nuova era di capacità navali sofisticate ed efficienti per affrontare le sfide di oggi e di domani, mentre accrescendo la forza dell’industria militare nazionale.

Inoltre, ha sottolineato che dallo scorso gennaio la nave è stata sottoposta a intense prove in mare per essere oggi pronta e pienamente in grado di svolgere le missioni assegnate, un “risultato importante che è una chiara indicazione delle capacità e della determinazione di Navantia di raggiungere notevole successo nel progetto Alsarawat”.

Il comandante della RSNF ha ringraziato il presidente di Navantia e la DIGAM per il loro impegno nel programma, in particolare per il contributo della Marina all’addestramento dell’equipaggio.

L’amministratore delegato di SAMI ha sottolineato che “è un momento di conquista e di orgoglio per l’industria della difesa saudita”. “Questo non sarebbe stato possibile senza il supporto e la guida che continuiamo a ricevere dai saggi leader del nostro amato Paese. Vorrei anche estendere il nostro apprezzamento e gratitudine alle forze navali reali saudite per la loro fiducia in noi. La nostra cooperazione con Navantia ha portato alla creazione della nostra joint venture, SAMINavantia, che ha sviluppato il primo sistema di gestione del combattimento navale dell’Arabia Saudita, HAZEM, aiutando così a localizzare il settore della difesa attraverso il trasferimento di tecnologia e alimentando i nostri eccezionali talenti sauditi”, ha sottolineato.

Il direttore delle attività di corvette e navi d’azione marittima di Navantia, José Antonio Rodríguez Poch, ha sottolineato sia la costruzione della nave che l’addestramento degli equipaggi e ha dedicato parole di ringraziamento al personale, all’industria ausiliaria e di supporto, alla Marina e alle società di classificazione per il loro contributo al successo del programma: “Grazie per esserti unito a noi in questo programma e in quelli futuri”.

Il programma Avante 2200

La corvetta Al-Diriyah ha una lunghezza di 104 metri, un raggio di 14 ed è in grado di trasportare un totale di 102 persone tra equipaggio e passeggeri. Il contratto per la costruzione di cinque corvette è entrato in vigore a novembre 2018 e, dal varo della prima unità (a luglio 2020), Navantia ha lanciato le cinque unità con una frequenza di quattro mesi l’una dall’altra, il che significava raggiungere questo obiettivo pietra miliare in un tempo record di tre anni. Le consegne avvengono dopo poco più di tre anni dal taglio del primo piatto di ogni nave.

Le corvette si basano sul design Avante 2200, adattato ai requisiti dell’Arabia Saudita, offrendo prestazioni avanzate, comportamento eccellente in mare, elevata capacità di sopravvivenza e capacità di operare a temperature estreme.

Parallelamente, circa 500 membri dell’equipaggio di queste corvette stanno completando il processo di istruzione e addestramento presso il Navantia Training Center (NTC) a San Fernando.

Oltre al contratto per la corvetta, Navantia ha concordato con SAMI (Saudi Arabian Military Industries) la creazione di una joint venture in Arabia Saudita, alleanza che consente a Navantia di posizionare i propri sistemi integrati e soluzioni tecnologicamente avanzate nel mercato arabo e nell’area di influenza , ed è in linea con la strategia di internazionalizzazione dell’azienda.

Il contratto prevede un carico di lavoro globale di circa sette milioni di ore, 6.000 posti di lavoro in cinque anni. Di questi, più di 1.100 sono dipendenti diretti, più di 1.800 dipendenti del settore che collaborano (partecipano più di cento aziende) e più di 3.000 dipendenti indiretti generati da altri fornitori.

Il programma, la cui ultima nave dovrà essere consegnata nel 2024, include, oltre alla costruzione, il Life Cycle Support per cinque anni, dalla consegna della prima nave, con un’opzione per altri cinque anni aggiuntivi.

Include anche la fornitura di vari servizi, come il supporto logistico integrato, la formazione operativa e di manutenzione, la fornitura di centri di istruzione e formazione per il sistema di combattimento e il sistema di controllo della piattaforma delle navi, il supporto del ciclo di vita e i sistemi di manutenzione delle navi presso la base navale di Jeddah.

Fonte e foto Navantia

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui