Nuovi missili Stinger per l’US Army

0
193

Raytheon ha ricevuto un addendum del valore di 62 milioni di dollari ad un contratto già in essere per allestire missili FIM-92 Stinger e relative attrezzature per conto dell’US Army.

Il missile Stinger, collaudato in combattimento, è un sistema di difesa aerea leggero e autonomo che può essere schierato rapidamente dalle truppe di terra. 

La sua velocità supersonica, l’agilità e il sistema di guida e controllo altamente accurato conferiscono all’arma un vantaggio operativo contro i missili da crociera e tutte le classi di aeromobili.

Il missile Stinger-Reprogrammable Microprocessor, o RMP, ha una percentuale di successo superiore al 90% nei test di affidabilità e addestramento.

Lo Stinger ha al suo attivo più di 270 intercettazioni di velivoli ad ala fissa e ad ala rotante. È schierato in 19 nazioni e con tutti e quattro i servizi militari statunitensi.

Gli Stati Uniti hanno consegnato migliaia di Stinger all’Ucraina per contrastare l’attività aerea russa, prelevando tali missili dalle dotazioni e riserve; l’US Army ora provvede a ricostruire le scorte con una serie di ordini a Raytheon, in attesa della selezione del nuovo missile VSHORAD che prenderà il posto dello Stinger nel arco di pochi anni.

Foto Dipartimento della Difesa degli Stati Uniti

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui