fbpx

Patriot PAC-3 MSE verso l’integrazione con il sistema AEGIS

Lockheed Martin ha comunicato che è stato compiuto un ulteriore passo in avanti nell’integrazione del missile intercettore PAC-3 MSE con il sistema di difesa navale AEGIS.

Per la prima volta, l’intercettore Patriot Advanced Capability – 3 (PAC-3) Missile Segment Enhancement (MSE) di Lockheed Martin ha comunicato con successo con il radar AN/SPY-1, un componente chiave del sistema d’arma AEGIS.

Lockheed Martin sta investendo in un’integrazione PAC-3 MSE/AEGIS che potrebbe fornire una comprovata capacità di difesa aerea e missilistica integrata con una capacità crescente per aiutare i clienti marittimi a difendersi da minacce avanzate e manovrabili. 

Questo test di successo è un importante passo avanti per integrare completamente PAC-3 MSE nel sistema d’arma Aegis“, ha affermato Tom Copeman, vicepresidente, Naval Systems, Lockheed Martin Missiles and Fire Control. “Un’integrazione PAC-3 MSE/Aegis offre una difesa rafforzata alle flotte marittime in tempi rapidi e convenienti.”

L’integrazione di PAC-3 MSE e AEGIS Weapon System richiede innanzitutto che Lockheed Martin modifichi il collegamento dati in radiofrequenza PAC-3 MSE per comunicare con il radar SPY-1. Il radar SPY-1 opera su una frequenza in banda S, che ha richiesto a Lockheed Martin di convertire il collegamento dati dual-band esistente di PAC-3 MSE in un collegamento dati tri-band per comunicare in banda S. Questo test di successo, finanziato internamente da Lockheed Martin, convalida l’integrazione iniziale di questa capacità.

Le impareggiabili capacità Hit-to-Kill di PAC-3 MSE difendono da minacce avanzate tra cui missili balistici tattici, missili da crociera e aerei. Attualmente, il programma PAC-3 MSE sta aumentando fino a 550 MSE all’anno, con l’intenzione di continuare a crescere. Nel 2022, Lockheed Martin ha aperto una nuova espansione dell’edificio di 85.000 piedi quadrati presso la struttura di Camden, Arkansas, per supportare una maggiore capacità di produzione per PAC-3 MSE.

I radar SPY-1 esistono su quasi 100 incrociatori e cacciatorpediniere AEGIS della Marina degli Stati Uniti e, con prestazioni comprovate e capacità in crescita, l’integrazione di PAC-3 MSE con AEGIS può aiutare i marinai a stare al passo con le minacce in evoluzione.

Fonte ed immagine @Lockheed Martin

Articolo precedente

Terminata con successo la campagna di sviluppo e di prove del AIM-120D-3

Prossimo articolo

Acquisto congiunto olandese-tedesco di veicoli tattici aviotrasportabili

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Latest from Blog

Ultime notizie