mercoledì, Ottobre 20, 2021

Problemi di surriscaldamento per gli M2A4 Bradley

-

Defence News ha riportato la notizia che, durante le prove in corso di svolgimento a Fort Hood in Texas, i nuovi IFV M2A4 Bradley avrebbero riportato più di qualche problema di surriscaldamento.

Infatti, i tecnici dell’US Army hanno segnalato problemi di surriscaldamento alla torretta elettrificata e, soprattutto, l’emissione di gas tossici pericoli per l’equipaggio.

Il problema sarebbe stato individuato nel surriscaldamento della torretta dotata di un nuovo sistema di ricarica delle batterie mentre quest’ultime sono di vecchio tipo. Pertanto, le batterie in uso, non essendo presente un regolatore di tensione, si surriscaldano rapidamente e provocano l’emissione di gas tossici potenzialmente nocivi per il capocarro e per il servente in torretta.

Le prove della nuova versione del M2 Bradley, la A4, sono eseguite a Fort Hood dai tecnici dell’U.S. Army Test and Evaluation Command che hanno sospeso i test in attesa della risoluzione del problema.

Gli IFV Bradley sono allestiti da BAE Systems che, essendo stata investita della problematica, sta studiando la possibile soluzione tecnica per risolvere la questione.

Il programma di trasformazione

L’US Army ha ordinato la conversione allo standard A4 di cinquecento Bradley attualmente in linea e le consegne iniziali dei mezzi aggiornati erano previste per quest’anno, con inizio delle attività addestrative e di conversione operativa degli equipaggi fissate per l’inizio del 2022.

Stante la situazione, è prevedibile uno slittamento delle consegne iniziali per dar tempo all’industria ed agli organi dell’Esercito Statunitense di riprogettare, testare e rendere operativo il sistema elettrico del Bradley A4.

Nel giugno del 2020 l’US Army ha assegnato a BAE Systems un contratto del valore di 267 milioni di dollari per 159 M2A4 Bradley con previsione di completare le consegne entro il 2023.

La versione A4 del Bradley

Le modifiche apportate alla versione M2A4 del Bradley sono sostanziali.

Infatti, è stato installato un nuovo motore diesel Cummins VTA903E-T675 a 8 cilindri che sviluppa una potenza di 675 HP.

E’ stata montata una nuova trasmissione idraulica HMPT-800-3ECB che consentirà ai veicoli Bradley M2A4 di supportare un carico più elevato, per permettere l’istallazione del sistema di protezione attiva (APS) Iron Fist Light Uncoupled (IFLD) attivo di Elbit Systems.

Inoltre, sono montati nuovi sistemi elettro-ottici e la piattaforma di comunicazione/scambio dati Force XXI Battle Command Brigade and Below (FBCB2) per fornire una migliore consapevolezza della situazione in rete quasi in tempo reale agli equipaggi ed alla squadra da combattimento trasportata.

Ultime notizie

Nella terza decade del mese di settembre sono approdati in Parlamento, alle Commissioni Difesa della Camera dei Deputati e...
Secondo quanto riferito dallo Stato Maggiore delle Forze Armate sud coreane e confermato dal Governo di Tokyo, oggi è...
Il cacciatorpediniere HMS Diamond della classe Type 45, parte del Carrier Strike Group, è nuovamente costretto ad abbandonare la...
AGUSTA “A109” DELL’AVIAZIONE DELL’ESERCITO TERMINA IL SERVIZIO DOPO 45 ANNI DI OPERATIVITA’ di Angelo TIBERI Ufficiale (in cong.) del Corpo dei Granatieri Cultore...

Da leggere

Mare Aperto 2021 esercitazione con mercantile del Gruppo Grimaldi

Lo scorso 12 ottobre 2021, nell’ambito dell’attività addestrativa della...

Rheinmetall Oerlikon Searanger 20 per la Marina Egiziana

Il Dipartimento della Difesa degli Stati Uniti ha assegnato...