fbpx

Procede il programma di sviluppo dei nuovi cacciatorpediniere DDG(X) della US Navy

Il Dipartimento della Difesa degli Stati Uniti ha aggiudicato a Bath Iron Works (BIW) ed a Huntington Ingalls Inc. le modifiche ai contratti precedentemente aggiudicati, rispettivamente, per l’ingegneria navale e l’analisi del progetto al fine di produrre prodotti di progettazione a supporto della progettazione preliminare e del cacciatorpediniere missilistico guidato DDG(X) di nuova generazione.

La modifica dei contratti sarà aggiudicata senza gara pubblica ai sensi dell’articolo 10 US Code 2304(c)(3), Industrial mobilization. 

Gli importi specifici dell’aggiudicazione del contratto per questi requisiti sono considerati informazioni sensibili per la selezione della fonte (ai sensi del 41 US Code 2101, e seg., Federal Acquisition Regulations 2.101 e 3. 104) e non saranno al momento rese pubbliche. 

I lavori BIW saranno eseguiti a Bath/Brunswick nel Maine (99%) ed a Washington DC (1%), e dovrebbero essere completati entro luglio 2024.

I lavori di Ingalls saranno eseguiti a Pascagoula nel Mississippi (89%), ad Avondale in Louisiana (10%) ed a Newport News, Virginia (1%), e dovrebbero essere completati entro luglio 2024.

Il programma DDG(X) della Marina prevede l’acquisizione di una classe di cacciatorpediniere missilistici guidati (DDG) di nuova generazione per sostituire gli incrociatori Aegis classe Ticonderoga (CG-47) e i cacciatorpediniere classe Aegis Arleigh Burke (DDG-51) a partire dai Flight I e II.

La Marina prevede che il DDG(X) adotti

  • un nuovo design dello scafo;
  • un sistema di propulsione integrato (IPS) di nuova generazione che incorpora le lezioni del DDG-1000 IPS e del nuovo sottomarino missilistico balistico di classe Columbia;
  • inizialmente, un sistema di combattimento AEGIS simile a quello installato sulla versione Flight III del cacciatorpediniere DDG-51;
  • maggior capacità in termini di sistemi d’arma rispetto al DDG-51.

La Marina ha stanziato 145,8 milioni di dollari per il programma DDG(X) nella richiesta di budget FY 2023. La maggior parte di quel finanziamento è destinata per la fase di dimostrazione a terra.

A differenza degli attuali cacciatorpediniere classe Arleigh Burke, l’IPS del DDG(X) non avrà un collegamento meccanico diretto con le eliche della nave ma alimenterà un’ampia rete elettrica che darà alla nuova unità un margine extra per l’energia per alimentare armi ad energia diretta (laser) e sensori ad alta potenza.

Sarà installata la versione più moderna del sistema da combattimento AEGIS, con l’adozione del radar di difesa aerea e missilistica AN/SPY-6 già dispiegato a bordo dei più recenti DDG Arleigh Burke Flight III, e saranno impiegate armi ad energia diretta e, tra gli altri sistemi missilistici, anche missili ipersonici.

Fonte US Departnment of Defense (US DoD)

Immagine @US Navy PEO Ships

Articolo precedente

Loitering Munitons Hero alla Ungheria

Prossimo articolo

Fincantieri costruirà il terzo sottomarino U212NFS per la Marina Militare Italiana

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Latest from Blog

Ultime notizie