fbpx
GulfstreamG550

Procedono i programmi G550 JAMMS ed EC-37B dell’Aeronautica Militare

E’ stata resa pubblica la Determina A Contrarre della Direzione degli Armamenti Aeronautici e per l’Aeronavigabilità (ARMAEREO) del Segretariato Generale della Difesa e Direzione Nazionale degli Armamenti relativa al ” Fondo Composito Difesa 2021 – 2 X Multi Mission FMC Electronic Combat – Modifica Group A e installazione Mission System” – “Fondo Difesa 2022 – Piattaforma Aerea Multi Missione Multi sensore (P-MMMS) (2^ Tranche)“.

GulfstreamG550

Questi programmi hanno la loro ragion d’essere per dotare l’Aeronautica Militare e la Difesa Italiana di strumenti per il controllo dei movimenti aeronavali, della situazione sul terreno, del intelligence dei segnali e delle comunicazioni e per la guerra elettronica nel bacino del Mediterraneo (e non solo) divenuto sempre più “caldo” e caotico.

Il primo grande passo in questo senso è stato compiuto nella seconda metà dello scorso decennio con l’immissione in servizio della coppia di Gulfstream G550 CAEW per la sorveglianza aerea, allarme precoce e guida caccia (ed altre missioni) dotati di radar ed avionica israeliana e statunitense trasferiti all’Italia da Israele insieme al satellite di osservazione strategica OPTSAT 3000 a fronte dell’acquisto da parte dell’Aeronautica Israeliana di trenta aerei d’addestramento avanzato M-346 “Lavi”.

Inutile dire che l’immissione in servizio di questi assetti strategici hanno apportato enorme beneficio alla Difesa Italiana ed alla comunità di intelligence italica che hanno a disposizione una gran massa di dati integrata dalla costellazione di satelliti Cosmo Skymed, giunti alla II generazione, e dai velivoli P-72 che operano nel settore ELINT/SIGINT nonché da altri strumenti.

Peraltro, l’interesse per piattaforme come i G550 da cui derivarne velivoli per la sorveglianza e guerra elettronica è aumentato, grazie alle prestazione ottenute dai G550 CAEW e della situazione internazionale in atto che richiede nuove risorse per coprire le esigenze delle Forze Armate e dell’intelligence.

Pertanto, con il Decreto SMD 03/2020, denominato MMMS Multi Missione Multi Sensore, è stato approvato il programma pluriennale di Ammodernamento e Rinnovamento (A/R) relativo all’acquisizione, funzionamento e supporto di una piattaforma aerea multi-missione e multi-sensore per la condotta di attività di caratterizzazione, sorveglianza e monitoraggio della situazione tattico-operativa, di supporto decisionale di livello strategico e operativo, di Comando e Controllo multi-dominio e di protezione elettronica.

Il programma è strutturato in tranche auto consistenti e progressivamente finanziate.

La 1^ tranche, del valore complessivo di 1.223M€ è stata avviata attraverso la finalizzazione del Purchase Order 2631USA con la ditta statunitense L3 Harris e prevede l’acquisizione di due (2) velivoli G550 versione Speciale in configurazione “Full Mission Capable (FMC)” con capacità di sorveglianza elettronica denominati “Joint Airborne Multi-Mission Multi-Sensor System” (JAMMS) con relativi apparati di supporto ed elaborazione dei dati a terra oltre a ulteriori 6 (sei) velivoli Gulfstream G550 in configurazione “Green – base JAMMS”, da destinarsi nelle successive tranche del programma alla conversione a versione Speciale in configurazione FMC per il pieno soddisfacimento del requisito complessivo della Difesa oltre che al supporto logistico ed al mantenimento delle capacità operative.

Con il decreto SMD 37/2021 è stata avviata la 2^ tranche del programma MMMS, del valore complessivo di 925M€, rivolta alla trasformazione operativa di quattro (4) dei sei (6) velivoli G-550 “Green – base JAMMS”, di cui alla 1^ tranche, in velivoli Full Mission Capable nonché a garantire i servizi di supporto logistico e le necessarie predisposizioni logistico-infrastrutturali. Lo stesso Decreto SMD 37/2021 prevede 900M€ aggiuntivi a copertura di ulteriori e successive tranche.

Con la lettera di Mandato lo Stato Maggiore Aeronautica ha incaricato ARMAEREO di avviare le attività tecnico-amministrative per la conversione di due (2) velivoli, prevedendo l’opzione per un terzo, alla versione FMC di protezione elettronica denominato “Electronic Attack”.

La Relazione Preliminare e Determina a Contrarre (RP/DAC) è stata emessa, pertanto, allo scopo di soddisfare il Requisito espresso dallo Stato Maggiore Aeronautica di modificare due (2) velivoli G-550 “Green – base JAMMS” nella versione FMC di protezione elettronica denominata “Electronic Attack” con relativi sistemi di terra prevedendo anche l’opzione per un terzo velivolo.

In merito al requisito formulato dallo Stato Maggiore Aeronautica, l’unica soluzione in grado di assicurare il pieno soddisfacimento dei requisiti tecnico operativi è quella del Programma “EC-37B” della USAF- United States Air Force.

Il programma EC-37B prevede il re-hosting sul velivolo G-550 “Green – base JAMMS” della capacità di protezione elettronica del noto programma “Compass Call Cross Deck” oggi su piattaforma C-130H. Il contratto di re-hosting è stato assegnato dal Governo USA alla L3Harris che come appaltatore principale ha sviluppato le soluzioni tecniche e le c.d. modifiche di Gruppo A necessarie alle successive attività di trasformazione in assetto FMC, coordinando tutti gli altri sub-contraenti che a vario titolo contribuiscono ai sistemi di missione del velivolo.

Tenuto conto delle specificità del programma ed in considerazione del fatto che il sistema di missione può essere acquisito per il solo tramite del Governo americano attraverso accordo iter-governativo di tipo Foreign Military Sales Case, il soddisfacimento del Requisito potrà essere garantito esclusivamente mediante la finalizzazione di due distinte procedure:

a. Procedura negoziata all’estero “Direct Commercial Sale” (DCS) per:
 Acquisizione e introduzione delle modifiche di Gruppo A su due (2) velivoli forniti GFE;
 Supporto ingegneristico nella fase di predisposizione delle modifiche propedeutiche all’integrazione a bordo del Sistema di Missione prodotto dalla ditta L3Harris;
 Opzione per l’introduzione delle modifiche di Gruppo A su un terzo velivolo fornito GFE.

b. Procedura intergovernativa “Foreign Military Sale” (FMS) per:
 Acquisizione di due Sistemi di Missione “Electronic Attack” completi e loro integrazione sui velivoli;
 Acquisizione dei Ground Control Systems (GCS);
 Attività di sviluppo ed ingegneristiche della ditta L3Harris sull’integrazione del Sistema di Missione e della componente di terra (GCS);
 Attività di Supporto dell’Ufficio di Programma USAF;
 Opzione per acquisizione ed integrazione di un terzo sistema di missione.

Premesso che la procedura FMS di cui al precedente punto “b.” sarà avviata a fronte di una RP/DAC separata, la Relazione Preliminare si riferisce esclusivamente all’acquisizione in Procedura negoziata all’estero di n. 2 (due) modifiche di Gruppo A e loro integrazione su due velivoli G-550 “Green base JAMMS” forniti come “Government Furnisched Equipment (GFE)” per la successiva integrazione del Sistema di Missione “Electronic Attack”.

Per il soddisfacimento dell’impresa si intende ricorrere all’affidamento ai sensi dell’Art.18 comma 2.d) del D.Lgs. 208/2011, alla ditta L3HARRIS, in quanto unica autorizzata a introdurre di modifiche tecniche, denominate di Gruppo A, sui velivoli G550 “Green base
JAMMS” e per le quali la ditta L3HARRIS è l’unica detentrice dei dati di progetto e pertanto la commessa ha i caratteri dell’infungibilità.

Fonte @Segretariato Generale della Difesa e Direzione Nazionale degli Armamenti

Foto @Aeronautica Militare Italiana

Articolo precedente

Armi leggere Heckler & Koch per la Brigata Marina San Marco

Prossimo articolo

Nel 2022 la spesa militare italiana ha raggiunto l’1,51% del PIL

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Latest from Blog

Altri quattro Gripen in Ungheria

Saab ha comunicato di aver sottoscritto un contratto con l’Amministrazione svedese dei materiali di difesa (FMV) ed ha ricevuto un ordine per…

Ultime notizie