giovedì, Gennaio 20, 2022

Produzione a basso ritmo per il T-14 Armata

-

In occasione della recente visita presso gli stabilimenti UralVagonZavod, fabbrica russa di carri armati e mezzi da combattimento, è stato comunicato dai vertici aziendali al Viceministro della Difesa Russo Alexei Krivoruchko la consegna all’Esercito Russo entro la fine dell’anno di venti carri armati T-14 Armata.

Trattasi della produzione di un lotto di mezzi di pre-serie che serviranno al Esercito a maturare esperienza utile per la valutazione operativa da parte dei reparti.

La stessa UralVagonZavod ha indicato la possibile realizzazione di una versione priva di equipaggio a controllo remoto nel corso dell’evento-mostra “Army 2020” tenuta a Mosca.

Il T-14 è apparso in pubblico la prima volta nel 2015 in occasione della Parata per il 70° Anniversario della Vittoria.

Attualmente, sono stati prodotti piccoli lotti di T-14 per studi, prove e sviluppi e si stima che, fin qui, sia stato consegnato un centinaio di questi innovativi mezzi.

Il T-14 fa ricorso alla piattaforma cingolata pesante Armata adattabile a molteplici varianti ed impieghi.

La versione attuale ha un peso di combattimento stimato superiore le 50 tonnellate, ha un equipaggio di tre uomini ed è armato con un cannone 2A82-1M da 125 mm con sistema di caricamento completamente automatizzato con 45 proiettili, di cui 32 immediatamente disponibili nell’autoloader. Completano l’armamento una mitragliatrice pesante calibro 12,7 mm ed una calibro 7,62 mm per la difesa ravvicinata del mezzo.

Oltre essere dotato di sistema di protezione reattiva a doppia esplosione Malachit (ERA), il T-14 ha il sistema di protezione attiva APS Afghanit che dovrebbe difendere il carro a 360°.

La torretta è unmanned o priva di equipaggio; quest’ultimo opera all’interno dello scafo, grazie ad un complesso sistema di visione che dovrebbe permettere di condurre il carro in battaglia di giorno e di notte con ogni condizione di luce e meteo.

Ultime notizie

La Royal Australian Air Force (RAAF) ha ricevuto la prima testata BLU-111 (AUS) B/B prodotta in Australia per le Guided...
La fregata FREMM Carlo Margottini della Marina Militare ha eseguito manovre navali insieme alle unità della Sesta Flotta dell'U.S....
Il Lockheed Martin Sikorsky-Boeing SB>1 DEFIANT ha completato con successo i voli di prova del profilo di missione FLRAA...
Le rotte seguite dagli aerei in Europa stanno diventando di giorno in giorno sempre più interessanti da analizzare.A causa...

Da leggere

70° anniversario della costituzione del Comando in Capo della Squadra Navale

Con navi, sommergibili, mezzi anfibi, aerei ed elicotteri, oltre...

FREMM Margottini con il Carrier Strike Group dell’USS Harry S. Truman

La fregata FREMM Carlo Margottini della Marina Militare ha...