fbpx

Produzione a pieno ritmo per l’F-35

Negli Stati Uniti il Sottosegretario alla Difesa per l’acquisizione e il sostegno, Dr. William A. LaPlante, ha approvato la Milestone C / Full Rate Production (MSC/FRP) dell’aereo F-35 Lightning II con la firma di un Acquisition Decision Memorandum (ADM) dopo un incontro con il Defense Acquisition Board (DAB).

L’F-35 ha raggiunto questa pietra miliare dopo aver considerato i risultati dei test operativi iniziali combinati dell’F-35 e del rapporto sui test e le valutazioni con esercitazioni a fuoco reale, i criteri di uscita per lo sviluppo e la dimostrazione del sistema, la conformità della documentazione alle leggi ed alle normative, la strategia di produzione futura ed i dettagli della bozza del programma di acquisizione. Il passaggio al MSC/FRP richiede il controllo del processo di produzione, prestazioni ed affidabilità accettabili e la creazione di adeguati sistemi di supporto e sostegno.

Con questo traguardo, il programma è ora ben posizionato per produrre e consegnare in modo efficiente la nuova generazione di caccia bombardieri F-35 per soddisfare le esigenze in evoluzione delle FF.AA. statunitensi, dei Paesi partner del programma JSF e dei clienti FMS.

Nel settembre 2023, un passaggio chiave per MS C/FRP è stato raggiunto quando sono state completate le corse per il punteggio dell’F-35 nel Joint Simulation Environment (JSE) e la convalida della prova iniziale.

Il raggiungimento dell’MSC/FRP è importante per il programma ed aiuta a convalidare le capacità dell’aereo per i partner presenti e futuri del programma F-35.

Una delle preoccupazioni è continuare a migliorare l’infrastruttura di prove per supportare lo sviluppo e garantire la disponibilità a testare le imminenti funzionalità del Block 4. 

Ad oggi, oltre 990 velivoli F-35 sono stati consegnati ai servizi statunitensi, ai partner del programma di cooperazione F-35 ed ai clienti delle vendite militari straniere.

L’F-35 offre capacità multi-missione, tra cui attacco strategico, soppressione/distruzione delle difese aeree nemiche (SEAD/DEAD), controaereo offensivo/difensivo, guerra anti-superficie, coordinamento degli attacchi e ricognizione e supporto aereo ravvicinato. Offre funzionalità furtive, fusione di sensori e interoperabilità per consentire l’accesso in ambienti contestati e migliorare la consapevolezza della situazione.

Fonte US Department of Defense (US DoD)

Foto @Royal Norwegian Air Force

Articolo precedente

Svolto a Nuova Delhi il 10° incontro del Comitato congiunto di difesa India-Italia

Prossimo articolo

UUV Remus 620 per un cliente in Asia

Latest from Blog

Ultime notizie