fbpx

Prosegue lo sviluppo del nuovo missile intercontinentale Sentinel

Northrop Grumman ha comunicato di aver completato con successo le prove di diversi elementi cruciali del nuovo missile balistico intercontinentale (ICBM) LGM-35A Sentinel, ottenendo progressi significativi nella fase di ingegneria, produzione e sviluppo del programma.

Le sezioni anteriore e posteriore di un missile Sentinel ICBM sono state valutate attraverso una rigorosa campagna di prove, condotta presso il complesso di produzione e prove missilistiche strategiche dell’azienda che sorge a Promontory nello Utah.

Infatti, le prove eseguite hanno ridotto il rischio per il programma con l’acquisizione di dati importanti sulla dinamica strutturale del missile in volo che permettono agli ingegneri di creare modelli, diminuendo le problematiche tecnologiche, e garantire il successo del volo del missile.

Le prove di decollo della sezione anteriore e dei test modali dei missili rientravano nell’ambito del contratto assegnato a Northrop Grumman per le attività di ingegneria, produzione e sviluppo (EMD) e progettazione del missile Sentinel.

Northrop Grumman collabora strettamente con l’Air Force man mano che la fase EMD avanza ed i traguardi chiave previsti dal programma sono raggiunti.

Dal LGM-30 Minuteman III al LGM-35A Sentinel

Il programma Sentinel è una modernizzazione fondamentale della parte terrestre della triade strategica degli Stati Uniti e si prevede che sarà attuabile fino al 2075, portando alla sostituzione entro la fine di questa decade dell’attuale linea costituita da missili intercontinentali LGM-30 Minuteman III che hanno raggiunto e superato ormai i cinquant’anni di dispiegamento operativo.

Il Sentinel è destinato a trasportare la testata termonucleare W87 Mod 1 (W87-1); il sistema di guida è di tipo astro-inerziale accoppiato al Global Positioning System (GPS), mentre l’apparato propulsivo è basato su un razzo tri-stadio alimentato a combustibile solido.

Il LGM-35A sarà schierato presso le basi missilistiche Francis E. Warren nel Wyoming, a Malmstrom nel Montana ed a Minot in North Dakota, basi che impiegano oggi il Minuteman III e che saranno totalmente ristrutturate per ospitare ed impiegare il nuovo sistema d’arma strategico statunitense.

Fonte e foto @Northrop Grumman

Articolo precedente

Nel Regno Unito fallisce nuovamente il lancio del missile balistico Trident II D5

Prossimo articolo

A.ST.I.M. fornirà il sistema di Comando e Controllo TALON® per 36 Veicoli Blindati Anfibi destinati alla Marina Militare Italiana

Latest from Blog

Ultime notizie