fbpx

Proseguono le prove del missile ipersonico statunitense ARRW

L’USAF ha provveduto ad eseguire un test di un missile da crociera ipersonico ARRW nell’area del Pacifico; la prova è stata eseguita da un bombardiere Boeing B-52H Stratofortress decollato dalla base aerea di Andersen sita sull’isola di Guam.

Il missile AGM-183A Air-launched Rapid Response Weapon o ARRW è composto da un motore a razzo e da un veicolo di planata ipersonico.

L’ARRW è stato progettato dall’USAF per attaccare obiettivi terrestri strategici di elevato valore politico-militare-industriale induriti con tempi di reazione estremamente rapidi. Infatti, i veicoli ipersonici viaggiano a velocità superiori a Mach 5, rendendoli difficili da rilevare ed intercettare con i sistemi radar ed effettori impiegati normalmente per la difesa aerea. Il missile ipersonico è in grado di manovrare e cambiare altitudine, sfuggendo ai sistemi di difesa missilistica esistenti meno sofisticati.

Il programma ARRW tra successi ed insuccessi ed il messaggio alla Cina

Peraltro, l’USAF non ha voluto rilasciare informazioni specifiche sulla prova effettuata, come la velocità raggiunta o la distanza di volo coperta dall’ARRW o se il bersaglio sia stato colpito effettivamente. Tale prova è la prima che è stata effettuata fuori dagli Stati Uniti continentali da parte della USAF con il lancio del AGM-183A.

Il test è un chiaro segnale inviato alla Cina che gli Stati Uniti sono in piena competizione nel campo delle armi ipersoniche ed è un rilancio del programma ARRW che negli ultimi due anni è rimasto offuscato da più di una problematica tecnica con lanci di prova falliti, tanto da far presumere agli analisti un prossimo abbandono del progetto da parte dell’USAF.

L’addestramento dello scorso febbraio a Guam

C’è da notare che, alla fine dello scorso mese di febbraio, gli equipaggi dei B-52H Stratofortress del 23° Expeditionary Bomb Squadron e del 49° Test and Evaluation Squadron hanno partecipato ad un corso di addestramento per familiarizzare con le armi ipersoniche tenuto proprio presso la base aeronautica di Andersen, nell’isola di Guam.

In quell’occasione gli equipaggi partecipanti al corso hanno ricevuto lezioni da parte di docenti esperti del settore e formazione sui fondamenti ipersonici ed hanno partecipato a discussioni tattiche sulle operazioni ipersoniche per aumentare la prontezza operativa e prepararsi all’impiego di sistemi d’arma ipersonici, tra cui il missile da crociera d’attacco ipersonico, l’arma a risposta rapida lanciata dall’aria ed altri programmi in via di sviluppo.

Pertanto, gli equipaggi dell’USAF si sono concentrati sui fondamenti dell’ipersonica, sulle considerazioni operative e logistiche nonché su discussioni tattiche approfondite.

Foto @USAF/Staff Sgt. Pedro Tenorio VIRIN: 240227-F-VS136-1148

Articolo precedente

Australia e Regno Unito rafforzano la partnership militare

Prossimo articolo

L’Eurofighter Typhoon festeggia 20 anni a difesa dei cieli d’Italia e della NATO

Latest from Blog

Ultime notizie