domenica, Dicembre 4, 2022

Provato con successo dalla corvetta Oz classe Sa’ar 6 il missile antinave Gabriel 5

La Direzione Ricerca e Sviluppo del Ministero della Difesa d’Israele, la Marina insieme alle Forze di Difesa Israeliane e ad Israel Airspace Industry hanno completato con successo nel mese di agosto un complesso test del sistema missilistico navale di tipo ‘Gabriel 5’.

Questo test rappresenta un’altra pietra miliare nel processo di completamento delle capacità di combattimento delle corvette multiruolo classe Sa’ar 6; per la descrizione di queste unità si rinvia a https://aresdifesa.it/consegnate-alla-marina-israeliana-le-ultime-due-corvette-saar-6/

Al test ha part ecipato la nave missilistica INS Oz, la seconda corvetta missilistica classe Sa’ar 6, che è stata sottoposta alle prove per verificare la sua capacità di affrontare varie minacce utilizzando armi nuove e avanzate, tra cui il missile Gabriel 5.

La INS Oz ha lanciato il missile Gabriel 5 che, dopo aver seguito la rotta prestabilita ed avendo attivato il sensore di ricerca nel tratto finale della corsa, ha centrato in pieno la designata nave bersaglio, causandone il successivo affondamento.

Il missile Gabriel 5 è un avanzato sistema d’attacco marittimo a lungo raggio, in grado di volare per centinaia di chilometri, in condizioni meteo-marine variabili. Il Gabriel 5 è un sistema missilistico in grado di ingaggiare e distruggere un’ampia varietà di obiettivi e minacce.

Il Gabriel V è dotato di un avanzato sistema radar attivo resistente al jamming, progettato per operare in ambienti litorali complessi, in grado di discriminare con estrema precisione i bersagli da colpire.

Il missile è accreditato di una portata operativa superiore i 200 km, un peso attorno i 1200 kg ed una lunghezza di 5 metri e mezzo.

Il sistema di propulsione del missile è basato su un turbogetto che permette di raggiungere la velocità subsonica mentre il sistema di guida è del tipo GPS/INS più waypoint per aggiornamento e precisione.

Il Gabriel V è attualmente in servizio con la Marina Israeliana e con la Marina Finlandese.

Immagine Ministero della Difesa d’Israele

CORRELATI

POTREBBE INTERESSARTI