Prove in mare completate per l’USS Gerald R. Ford (CVN 78)

0
346

La USS Gerald R. Ford (CVN 78) ha completato con successo le prove in mare al largo della costa della Virginia questa settimana, segnando la conclusione positiva della sua prima Planned Incremental Availability (PIA).

Questo traguardo segue sei mesi di lavori presso la Huntington Ingalls Industries-Newport News Shipbuilding a Newport News, Virginia. Il 28 febbraio, la nave è salpata verso la Naval Station Norfolk, dove l’equipaggio del CVN 78 inizierà diversi mesi di addestramento e certificazione in preparazione per il primo dispiegamento previsto per l’autunno 2022.

La portaerei di prima classe è entrata in PIA nel settembre 2021, dopo aver completato Full Ship Shock Trials (FSST) al largo di Mayport, FL. Gerald R. Ford e il suo equipaggio si sono comportati eccezionalmente bene durante le prove shock, conducendo tre eventi esplosivi utilizzando ordigni veri il 18 giugno, il 16 luglio e l’8 agosto. 

La Marina raccoglie i dati dalle prove d’urto per convalidare la durezza dell’urto di una nave e la capacità di sostenere le operazioni in un ambiente di combattimento simulato in condizioni estreme.

All’inizio della PIA di CVN 78, i team hanno condotto ispezioni dettagliate, valutando i potenziali danni subiti durante l’FSST. La Marina aveva condotto prove d’urto sulla portaerei di classe Nimitz USS Theodore Roosevelt (CVN 71) nel 1987 e aveva utilizzato quei risultati oltre ad altri modelli e simulazioni per stimare il potenziale impatto degli eventi esplosivi sul carico di lavoro complessivo del PIA. Le riparazioni relative all’FSST durante il PIA di Gerald R. Ford si sono rivelate inferiori al previsto.

“Ford ha richiesto solo il 20 percento del lavoro di riparazione che abbiamo visto con la Roosvelt”, ha affermato l’ammiraglio James P. Downey, ufficiale esecutivo del programma per le portaerei. Ha anche aggiunto che delle necessarie riparazioni relative all’FSST, circa l’85% è stato completato dalle forze di bordo.

“Questa è una testimonianza impressionante del design della nave e della resilienza del suo equipaggio”, ha detto Downey, che ha guidato la nave durante la prima e la terza evoluzione dello shock. Downey ha aggiunto che la Marina continuerà a incorporare le lezioni apprese dall’FSST del CVN 78 per rafforzare ulteriormente le navi successive nella classe Ford, la futura USS John F. Kennedy (CVN 79), Enterprise (CVN 80) e Doris Miller (CVN 81).

Durante il completamento di queste riparazioni durante il PIA, il team ha anche eseguito la modernizzazione e la manutenzione richieste sul CVN 78. Il lavoro variava dall’aggiornamento della cucina alla modernizzazione del sistema CANES (Consolidated Afloat Networks and Enterprise Services) della nave, un programma che la Marina ha implementato in tutta la flotta per migliorare i sistemi informatici di bordo e per consolidare più reti legacy.

Il lavoro di ammodernamento della nuova classe di portaerei della Marina è stato semplificato, rispetto al lavoro sulle navi di classe Nimitz. Gli spazi di comando e controllo riconfigurati di Ford, ad esempio, accolgono le nuove tecnologie senza la necessità di tagliare i ponti.

“Storicamente, circa il 40% dei lavori di modernizzazione sui vettori di classe Nimitz va in pezzi, il che comporta il taglio e la saldatura”, ha affermato Downey. “La Marina ha progettato specificamente Ford con un’infrastruttura flessibile, in modo da poter integrare nuove capacità per migliorare l’integrazione dei sistemi che facilitano guadagni operativi immediati per il combattente”.

Advanced Weapons Elevator (AWE)

A quattro mesi dall’inizio del PIA, il team Navy-Industry ha consegnato all’equipaggio del CVN 78 l’undicesimo e ultimo Advanced Weapons Elevator (AWE) della nave, segnando una pietra miliare significativa per una delle nuove tecnologie più complesse della nave. Gli AWE di classe Gerald R. Ford utilizzano motori elettromagnetici in contrasto con sistemi idraulici più laboriosi, che consentono a un minor numero di marinai di spostare in sicurezza gli ordigni al ponte di volo con velocità e agilità senza precedenti.

Downey ha elogiato il team AWE Navy-Industria per aver lavorato instancabilmente sia in porto che in mare per completare gli ascensori lo scorso anno. 

“Il team Navy-Industria ha fornito opportunità a centinaia di artigiani, tecnici e ingegneri, che hanno lavorato 24 ore su 24, durante più periodi in corso, per mettere in linea e operativi questi sistemi avanzati”, ha affermato Downey. Ha aggiunto che più fornitori hanno fornito un flusso costante di materiali necessari e competenze ingegneristiche.

“Il gioco finale è sempre la prontezza operativa”, ha affermato Downey, aggiungendo che il CVN 78 è sulla buona strada per iniziare i lavori e passare alle attività successive.

Dispiegamento

Nei prossimi mesi la USS Gerald R. Ford si preparerà per il suo imminente dispiegamento. La nave imbarcherà la sua componente aerea, CVW-8, e inizierà cicli di test di qualificazione del sistema, certificazione del ponte di volo, tre fasi di addestramento alla guerra aerea e una valutazione della prontezza operativa dei sistemi di combattimento.

L’ufficiale in comando della Ford, il capitano Paul Lanzilotta, afferma che l’equipaggio è pronto a riprendere il ritmo accelerato di addestramento e operazioni, fondamentale per portare la nave alla prontezza operativa.

“L’equipaggio di questa potente nave da guerra ha avuto un brusio di eccitazione, anche durante le esercitazioni sul molo durante la notte durante la crociera veloce. I marinai della Gerald R. Ford erano pronti a tornare in mare. Conoscono il proprio lavoro e si impegnano in un ciclo continuo di apprendimento e miglioramento. Le prove in mare hanno dimostrato, senza dubbio, che il PIA ha avuto successo, consentendo l’interazione dal vivo in alto mare con centinaia di sistemi e processi aggiornati. Abbiamo anche aumentato la nostra fiducia nel nostro addestramento, che si basa sulla letalità intrinseca di questa piattaforma di combattimento estremamente capace”.

Il PIA ha rappresentato anche il passaggio del CVN 78 dall’ufficio del programma Gerald R. Ford Class della Marina (PMS 378), che sovrintende alla costruzione delle navi Gerald R. Ford Class, all’ufficio del programma In-Service Aircraft Carriers (PMS 312) responsabile per il sostegno, la manutenzione e l’ammodernamento delle portaerei in servizio per la maggior parte dei loro 50 anni di vita in servizio. Il capitano Charles Ehnes, responsabile del programma PMS 312, concorda sul fatto che gli sforzi dell’equipaggio e la crescente esperienza dei sistemi di bordo della nave hanno contribuito ad alimentare lo slancio della nave durante il PIA.

“Negli ultimi sei mesi, il team Navy-Industria si è concentrato su una consegna puntuale di Ford al di fuori della disponibilità del CNO”, ha spiegato Ehnes. “Certo, la portaerei Ford è unica, quindi alcuni dei requisiti di manutenzione offrono sfide uniche. Ma l’approccio a questo PIA, come lo è con tutti i PIA della flotta, ha un elemento in comune al centro. La missione è fornire prontezza. È quello che facciamo”.

Immagine di copertina: HAMPTON ROADS, Va – HAMPTON ROADS, Va. — USS Gerald R. Ford (CVN 78) departs Newport News Shipyard after completing the industrial portion of a six-month Planned Incremental Availability (PIA), Feb. 25, 2022.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui