domenica, Ottobre 24, 2021

Rafael Tropy Active Protection per i Challenger 3 del British Army

-

Rafael Advanced Defense Systems ha annunciato che il suo sistema di protezione attiva Trophy Active Protection System (APS) per veicoli blindati è stato selezionato per la prossima fase di valutazione dettagliata e integrazione da parte del Ministero della Difesa del Regno Unito per l’ammodernamento del carro armato Challenger 2.

La selezione è il risultato di uno studio del MOD del Regno Unito nell’ambito di un programma di aggiornamento guidato dall’appaltatore principale Rheinmetall BAE Systems Land (RBSL), che comporterà un’integrazione dettagliata e prove di sistema della variante Trophy più leggera (Trophy MV), per adattarsi ai particolare requisiti del carro armato Challenger 2 che sarà portato al nuovo standard Challenger 3.

Sviluppato da Rafael in risposta agli attacchi controcarro, il Trophy APS è ormai un sistema ampiamente testato sul campo e collaudato contro le minacce di missili in arrivo; infatti, individua contemporaneamente il missile e l’origine del fuoco ostile per una risposta immediata.

Dalla sua prima intercettazione operativa nel 2011, Trophy ha accumulato oltre 1.000.000 di ore di funzionamento, tra cui 5.400 test sul campo con successo, ed è ora sotto contratto per la produzione in serie di oltre 1.800 sistemi.

Il Challenger 3

Il Challenger 3 sarà un’ampia modifica dello standard attuale Challenger 2. Infatti, è prevista l’istallazione di una nuove torre costruita da Rheinmetall BAE Systems Land (RBSL) armata con il cannone 120 L55A1 ad anima liscia che prenderà il posto dell’attuale torre ottenuta per fusione che impiega il cannone ad anima rigata L30 da 120 mm.

I sistemi di visione, sorveglianza e tiro saranno derivati da quelli impiegati sui veicoli cingolati della famiglia Ajax per evidenti ragioni di costo, logistiche, di addestramento e operative.

L’apparato motore non sarà sostituito ma sarà dotato di un nuovo sistema di raffreddamento e di un nuovo sistema di sospensioni.

Il “nuovo” Challenger 3, completamente digitalizzato, avrà a disposizione il munizionamento da 120 mm di ultima generazione ad altissime prestazioni e sarà dotato di avanzate capacità “hunter-killer”.

Il programma Challenger 3 prevede la modifica di 148 Challenger 2 al costo di 800 milioni di sterline; i primi esemplari saranno disponibili a partire dal 2027 con raggiungimento della FOC o Full Operational Capability solo nel 2030.

Ultime notizie

Fondo per l'innovazione della NATOLo scorso venerdì 22 ottobre 2021, a Bruxelles in una cerimonia per la firma ospitata...
Come annunciato dal Ministero della Difesa della Lituania sono state ultimate le consegne del lotto aggiuntivo di 42 autocarri...
Israel Weapon Industries – un membro del gruppo SK (fondato da Mr. Samy Katsav) leader nella produzione di armi...
La DMO, l'agenzia che cura gli appalti militari dei Paesi Bassi, ha appena eseguito un ordine a favore di...

Da leggere

La “Folgore” ricorda El Alamein

23 ottobre 2021: i paracadutisti celebrano oggi il 79°...

Capacità antimissile e difesa aerea avanzata per le Forze Armate Italiane

Nella terza decade del mese di settembre sono approdati...