fbpx

Raytheon fornirà al US DoD una costellazione di satelliti in orbita bassa per l’allerta ed il tracciamento missilistico

Raytheon Technologies ha ottenuto un contratto del valore di oltre 250 milioni di dollari per progettare, sviluppare e fornire una costellazione di satelliti per il tracciamento missilistico con sette sistemi orbitali, oltre a supportare il lancio e operazioni di terra da parte dell’Agenzia per lo sviluppo spaziale.

Una volta dispiegata, la costellazione di satelliti in rete nell’orbita terrestre bassa diventerà il quinto livello di satelliti per fornire l’allerta missilistica ed il tracciamento per il Dipartimento della Difesa. Il programma è un elemento chiave della Proliferated Warfighter Space Architecture.

Lo sviluppo di una costellazione di satelliti proliferati resilienti e convenienti in orbita terrestre bassa migliorerà la nostra capacità di tracciare minacce emergenti come i missili ipersonici“, ha affermato Dave Broadbent, Presidente di Space & C2 presso Raytheon Intelligence & Space. “Continuare a sviluppare questa architettura con SDA ei nostri partner di settore sarà per noi una priorità assoluta nei prossimi mesi”.

Raytheon Technologies sviluppa sistemi di allarme missilistico da decenni. Dall’acquisizione di Blue Canyon Technologies e SEAKR Engineering, Raytheon Technologies ha ampliato le proprie capacità e competenze in termini di carico utile spaziale e bus satellitare, diventando un fornitore leader di sistemi spaziali per un numero crescente di programmi.

Raytheon sfrutterà i progetti esistenti, i prodotti commerciali disponibili ei componenti comuni per ridurre i rischi tecnici e velocizzare la consegna. La costellazione di sette satelliti sarà dotata del sensore a infrarossi persistente dall’alto “Wide Field of View di Raytheon”, del bus microsatellite di classe Saturn di Blue Canyon Technologies e del carico utile elettronico di SEAKR Engineering.

Fonte ed immagine Raytheon Technologies

Articolo precedente

Prime unità di superficie senza equipaggio per la Royal Australian Navy

Prossimo articolo

Operative le nuove unità di supporto degli operatori subacquei della Royal Navy

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Latest from Blog

Ultime notizie