Rheinmetall presenta il sistema di escavatore multiuso ad alta mobilità HX 8×8 in collaborazione con la slovacca CSM Industry

0
178

In collaborazione con la società slovacca CSM Industry, Rheinmetall MAN Military Vehicles (RMMV) ha presentato un nuovo veicolo escavatore multiuso ad alta mobilità basato sull’HX 8×8. La nuova variante deriva dalla collaudata famiglia di veicoli logistici di RMMV, in servizio in tutto il mondo. Trasporta un escavatore UDS 214 integrato, un sistema collaudato realizzato dal produttore di gru ed escavatori CSM con sede a Tisovec, in Slovacchia. L’escavatore HX 8×8 è appositamente progettato per operazioni di ingegneria da combattimento e missioni di soccorso in caso di calamità.

In grado di ruotare di 360 gradi, il build-on è dotato di un braccio telescopico estensibile che raggiunge una lunghezza fino a 14,60 metri. Può utilizzare vari strumenti: oltre alla pala dell’escavatore, sono possibili un gancio o una fresa a tamburo idraulico. Questo dispositivo universalmente dispiegabile può sollevare carichi fino a 7,5 tonnellate e può quindi fungere da gru ausiliaria. Se lo si desidera, la cabina dell’operatore dell’escavatore può essere protetta secondo i comuni livelli STANAG ed è dotata di un sistema di ventilazione.

Come l’intera famiglia HX di RMMV, l’HX 8×8 è un veicolo militare pronto all’uso progettato per resistere alle condizioni militari più estreme, assicurando un’eccellente mobilità anche sui terreni più difficili. Quando è pronto per l’uso, la versione base del veicolo pesa 28 tonnellate.

Il suo motore diesel MAN D2676 genera una potenza di 387 kW o 540 CV, dando all’HX 8×8 una velocità massima di 90 km/h. Il veicolo può affrontare pendenze del 60 percento e guadare nell’acqua fino a 1,5 metri di profondità. Se lo si desidera, l’HX 8×8 può essere equipaggiato con la cabina blindata integrata (IAC) protetta di Rheinmetall o preparato per il suo uso opzionale. Il veicolo può anche essere dotato di una stazione d’arma comandata a distanza per l’autodifesa o RWS.

L’appartenenza alla famiglia HX, di cui oltre 16.000 veicoli sono attualmente in servizio in tutto il mondo, offre vantaggi in termini di manutenzione, riparazione e formazione. Numerose nazioni della NATO possiedono già autocarri della famiglia HX, con conseguenti effetti sinergici in particolare durante le operazioni multinazionali.

L’escavatore HX 8×8 è un altro esempio della cooperazione di Rheinmetall con partner europei e internazionali. Né questo è limitato al lavoro di squadra tecnico. Collaborando con Rheinmetall, CSM trarrà vantaggio dall’accesso a nuovi mercati di esportazione.

Inoltre, l’impresa tecnologica con sede a Düsseldorf offre alla Slovacchia ulteriori opzioni per la cooperazione con l’industria locale. Una possibilità sarebbe la produzione di veicoli da combattimento di fanteria nel Paese della NATO. Si tratta di un’offerta alla Slovacchia da parte dell’Ungheria per la produzione della famiglia di veicoli blindati cingolati Lynx KF41 all’avanguardia sviluppata da Rheinmetall. La famiglia Lynx è una scelta convincente non solo per i suoi parametri prestazionali. Stabilisce anche un nuovo standard quando si tratta di cooperazione in materia di difesa tra gli Stati membri della NATO e altre nazioni partner. L’Ungheria ha deciso di acquistare il Lynx KF41 nel 2021, con un’ampia quota dei veicoli da produrre in Ungheria in collaborazione con Rheinmetall. Se la vicina Slovacchia, anch’essa membro della NATO, decidesse di adottare il Lynx, gran parte della sua nuova flotta di veicoli sarebbe prodotta anche in questo caso localmente.

Fonte ed immagine Rheinmetall

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui