domenica, Ottobre 17, 2021

Rheinmetall sviluppa un dimostratore di sorgenti laser per la Bundeswehr

-

La Germania spinge l’acceleratore sul fronte dello sviluppo delle tecnologie laser da riversare su sistemi d’arma da dispiegare su unità navali o su installazioni terrestri.

Infatti, il BAAINBw ha assegnato a Rheinmetall Defence un contratto per lo sviluppo di un futuro componente chiave del sistema di armi laser. Alla fine del secondo trimestre del 2020, l’Ufficio federale per le apparecchiature, la tecnologia dell’informazione e il supporto in servizio della Bundeswehr, o BAAINBw, ha provveduto a stipulare un contratto con la Rheinmetall Waffe Munition GmbH per fabbricare un dimostratore di sorgenti laser. L’ordine vale una cifra di poco meno di due milioni di euro.

Il dimostratore di sorgenti laser potrà essere impiegato in vari progetti per studiare in modo più approfondito l’uso della tecnologia laser in applicazioni militari. Il primo progetto per il dimostratore laser farà una fase di prova di un anno a bordo della fregata Sachsen della Marina Tedesca.

Il dimostratore laser si basa sulla tecnologia di accoppiamento spettrale, su cui Rheinmetall sta lavorando intensamente da anni. I suoi dati chiave sulle prestazioni includono una potenza di uscita scalabile fino a 20 kW con un’ottima qualità del fascio. In sostanza, il dimostratore è composto da dodici moduli laser a fibra da 2 kW quasi identici con una qualità del fascio limitata alla diffrazione. Un combinatore di fasci – un sottoassieme che trasforma più raggi in un unico fascio attraverso la tecnologia della rete dielettrica – accoppia i dodici raggi laser in fibra per formare un singolo raggio laser con un’eccellente qualità del fascio.

La tecnologia di accoppiamento spettrale offre una moltitudine di vantaggi rispetto ad altre tecnologie di accoppiamento, ad esempio l’accoppiamento geometrico: è meno complessa, altamente modulare e presenta un potenziale di crescita nella classe di prestazioni da 100 kW; inoltre, come sistema passivo, è in grado di operare con uno sforzo di controllo estremamente basso.

Nel 2015, durante le prove condotte nel Baltico, Rheinmetall ha impegnato con successo obiettivi a terra con un prototipo funzionale di un sistema di armi laser a bordo nave per la prima volta in Europa. Successivamente, nel 2018, BAAINBw e Rheinmetall hanno testato con successo una sorgente laser da 20 kW basata in laboratorio. Le prove previste, da condurre in ambienti militari con condizioni operative autentiche, sono il prossimo passo nel percorso dal laboratorio all’applicazione pratica, il tutto nell’arco di soli tre anni. Si tratta di un passo importante, vitale ed impegnativo, sulla strada dell’introduzione di futuri sistemi di armi laser.

Fonte e foto Rheinmetall Defence

Ultime notizie

Più di 28 tonnellate di acciaio australiano sono state ritirate dalla linea di produzione del cantiere navale Osborne ad...
Si è concluso nei giorni scorsi, presso la Scuola di Cavalleria, il 1° Corso “Istruttore per Operatore Blindo Centauro...
Dalla metà degli anni 2010, l'Esercito argentino (EA) ha cercato di sviluppare progetti per equipaggiare le sue Brigate corazzate...
Rheinmetall ha sviluppato una nuova versione del veicolo blindat Fuchs 6x6. Caratterizzata da un tetto alto, la nuova variante di...

Da leggere

Al via la costruzione della prima fregata australiana classe Hunter

Più di 28 tonnellate di acciaio australiano sono state...

La Lituania acquista un nuovo lotto di fucili d’assalto H&K G-36

Lo scorso 30 settembre il Ministero della Difesa Nazionale...