fbpx

Rheinmetall svilupperà il carro armato Panther KF51 per conto dell’Ungheria

Rheinmetall ha comunicato che ha ricevuto dal Governo ungherese un contratto per sviluppare il Panther KF51 fino alla maturità produttiva.

In tal senso, un contratto di sviluppo del valore di circa 288 milioni di euro è stato firmato a Zalaegerszeg, in Ungheria.

Pertanto, sarà costruito e qualificato un veicolo dimostrativo, aprendo la strada alla produzione su vasta scala. Rheinmetall collabora al progetto con la holding statale ungherese N7, che detiene anche una partecipazione del 49% nella joint venture Rheinmetall Ungheria.

Sulla base di tale accordo, l’Ungheria (N7) e Rheinmetall svilupperanno e prepareranno congiuntamente la piena produzione del carro armato di prossima generazione, il cui concetto Rheinmetall ha presentato in anteprima mondiale alla fiera Eurosatory 2022.

A differenza del dimostratore del sistema in mostra all’Eurosatory 2022, il Panther KF51 EVO sarà armato con il collaudato cannone a canna liscia L55A1 da 120 mm di Rheinmetall, presente anche nelle ultime varianti del Leopard 2. Ciò garantirà omogeneità logistica con l’attuale flotta ungherese di carri armati Leopard 2A7 HUN.

Tuttavia, il Panther KF51 EVO sarà già dotato di caricatore automatico e, inoltre, l’architettura della torretta consentirà il successivo retrofit del nuovo cannone da 130 mm di Rheinmetall.  

Il Panther K51 possiede un elevato grado di digitalizzazione e di collegabilità in rete. Inoltre, le nuove tecnologie di protezione delle forze, come il sistema di protezione standoff StrikeShield, consentiranno un peso aggregato ridotto.

Il suo telaio è basato sul veicolo blindato di recupero Buffalo, fornito da Rheinmetall; in combinazione con il peso totale ridotto del carro armato, ciò contribuisce all’elevata mobilità del Panther KF51, determinando al contempo effetti sinergici nella logistica, nella manutenzione e nell’addestramento, grazie ai punti in comune con la famiglia Leopard 2.

L’equipaggio base del Panther KF51 è composto da tre soldati: il comandante, il cannoniere ed il pilota. Una quarta postazione, davanti sul lato sinistro della prua, è riservata a un operatore di sottosistema. Il comandante di una compagnia o di un battaglione può anche utilizzarlo come posto di comando mobile.

Fonte e foto @Rheinmetall AG

Articolo precedente

L’Armada Española acquista i Naval Strike Missiles

Prossimo articolo

Firmato il contratto per i sistemi di combattimento della seconda e terza fregata classe MIECZNIK della Marina Polacca

Ultime notizie