fbpx

Saab e MBDA rafforzano la cooperazione nel settore dei missili anticarro e della difesa aerea

La Svezia e la Francia hanno deciso di rafforzare la loro cooperazione in materia di difesa nell’ambito di un nuovo partenariato strategico firmato lo scorso 30 gennaio in occasione della visita di Stato del Presidente francese Emmanuel Macron in Svezia.

Nell’ambito della rinnovata partnership militare e della industria della Difesa, i due Paesi hanno indicato le tematiche della difesa anticarro e quella aerea quali aree prioritarie di cooperazione.

Ieri, 31 gennaio, Saab e MBDA hanno sottoscritto lettere di intenti (LOI) per rafforzare la cooperazione tra le loro aziende in questi due settori, nel corso del Business Forum organizzato alla presenza delle massime autorità francesi e svedesi.

A tal fine, Micael Johansson ed Eric Béranger, amministratori delegati rispettivamente di Saab e MBDA, a nome delle loro aziende hanno dichiarato di voler sostenere tale cooperazione nei settori della difesa anticarro e aerea, aree particolarmente critiche per le Forze Armate di entrambi i Paesi, soprattutto nell’ipotesi di conflitti ad alta intensità come quello oggi in atto tra Russia ed Ucraina.

La cooperazione nel settore anticarro ha portato a concentrarsi inizialmente sull’AKERON MP, con un iniziale contratto assegnato a Saab e MBDA dalla DGA, l’ente appaltante francese, e dall’Amministrazione svedese dei materiali per la difesa (FMV – Försvarets Materielverk). Tale contratto consentirà la condivisione delle competenze di Saab e MBDA nel settore anticarro, al fine di supportare a breve termine la scelta del sistema d’arma AKERON MP da parte delle Forze Armate Svedesi (che lo denomina sistema robotico anticarro RBS 58) e Francesi (Missile Moyenne Portée o MMP) e per sviluppare nuove funzionalità associate in particolare al lancio oltre la linea di visuale (BVR) ed anche per preparare il missile ad affrontare la futura generazione di bersagli.

Caratteristiche del Akeron MP/MMP

L’Akeron MP/MMP è un missile anticarro di ultima generazione impiegato in operazioni dalle Forze Armate Francesi sin dal 2018. Può neutralizzare obiettivi e bersagli corazzati, giorno e notte, fino ad una distanza di almeno 4 km. Particolarmente preciso, può ingaggiare un’ampia varietà di bersagli statici o mobili (veicoli, infrastrutture, imbarcazioni, ecc.).

È un sistema missilistico dotato della capacità “spara e dimentica”, che consente al operatore di lasciare la propria posizione immediatamente dopo aver sparato e può colpire un bersaglio autonomamente senza alcuna azione da parte del tiratore durante il volo. Può anche essere sparato da uno spazio chiuso, funzionalità notevole soprattutto in caso di combattimento in un’area urbana.

Altre aree di cooperazione tra Saab e MBDA

Infine, Saab e MBDA sono partner di lunga data, come dimostra la loro cooperazione nel programma missilistico aria-aria Meteor e nel programma missile da crociera TAURUS, nonché nel consorzio europeo MarsEUs che mira a fornire un’Europa la capacità sovrana di lancio di missili oltre la linea di visuale (BVR).

Fonte Saab-MBDA

Foto @Ares Osservatorio Difesa

Articolo precedente

Giunto in Spagna il primo NH90 MSPT

Prossimo articolo

Prosegue il programma di sviluppo delle batterie al litio per i sottomarini U212 NFS della Marina Militare Italiana

Ultime notizie