martedì, Settembre 21, 2021

Sei F-35A dell’Aeronautica Militare arrivano a Keflavik, Islanda

-

Sei cacciabombardieri F-35A Lightning II del 32° Stormo di Amendola si sono rischierati per la seconda volta in Islanda all’interno dell’operazione NATO di Air Policing “Northern Lightning”.

La missione, dalla durata di due mesi, vedrà l’impiego di 130 uomini e assicurerà l’integrità dello spazio aereo della NATO.

La Task Force Air 32nd Wing, costituita presso la base aerea di Keflavik e comandata dal Colonnello Michele Cesario, è alle dirette dipendenze del Comando Operativo di vertice Interforze (C.O.I) ed è costituita, oltre al Task Group (Gruppo Volo), anche da personale tecnico, logistico e da un team di Controllori della Difesa Area.

I Controllori, in coordinamento con la Guardia Costiera islandese assicurano le funzioni propri della difesa aerea, della sorveglianza e identificazione al controllo degli intercettori nell’Area di Responsabilità (AOR – Area of Responsibility).

Image may contain: sky, airplane and outdoor

A supporto della complessa operazione hanno contribuito i velivoli C-130J della 46^ Brigata Aerea di Pisa e KC-767 del 14° Stormo di Pratica di Mare che hanno effettuato il trasporto del materiale e del personale mentre gli uomini dei reparti dipendenti dalla 3^ Divisione del Comando Logistico hanno assicurato i sistemi necessari al settore delle telecomunicazioni e dell’assistenza volo.

Atterraggio di un F-35A durante Northern Lightning nel 2019

Gli F-35A del 32° Stormo di Amendola dell’Aeronautica Militare italiana sono stati impiegati per la prima volta nell’Operazione Northern Lightning I in Islanda nel 2019.

Procedure sanitarie

Tutti gli uomini e le donne impiegati sono stati sottoposti a screening prima dell’immissione in teatro operativo effettuando inoltre un periodo di isolamento cautelativo sia in Italia che in Islanda.

Il protocollo sanitario non ha però condizionato le capacità o di organizzazione e gestione della Task Force la quale, sin dal primo momento, ha svolto le attività di predisposizione tecnica e logistica per l’avvio della missione.

L’Aeronautica Militare

Eurofighter Typhoon

L’Aeronautica Militare italiana partecipa con continuità all’Interim Air Policing della Slovenia, dal 2004, dell’Albania, a partire dal 2009, del Montenegro dal 2018 (alternandosi con Grecia e Ungheria) ed è stata impiegata in Islanda per ben cinque volte a partire dal 2013 oltre ad aver operato in missioni di Enhanced Air Policing a favore dei Paesi membri del fianco orientale (Bulgaria e Romania).

A seguito degli accordi riguardanti le NATO Assurance Measures inoltre, aggiuntisi al NATO Air Force Policing Force Offering, lo Spazio Aereo protetto dai velivoli dell’Aeronautica Militare ha incluso, nel 2018, anche quello delle Repubbliche Baltiche (Estonia, Lettonia, Lituania).

Foto e Comunicato: Aeronautica Militare italiana

Ultime notizie

Il Dipartimento della Difesa degli Stati Uniti ha assegnato a Raytheon un addendum del valore di circa 140 milioni...
Boeing continuerà a supportare il sistema di guida e navigazione del missile balistico intercontinentale Minuteman III (ICBM) in dotazione...
Israel Aerospace Industries (IAI) sta integrando sistemi offensivi e difensivi, per migliorare le capacità delle corvette classe "Sa'ar 6"...
Partecipazione di Agenzia Industrie Difesa a SeaFuture 2021Agenzia Industrie Difesa prenderà parte alla VII Edizione di SeaFuture 2021, la business...

Da leggere

La Francia cancella un galà a Washington dopo l’annuncio di Biden sul supporto all’Australia

Secondo quanto riportato dal New York Times, l'Ambiasciata francese...

Sistemi d’artiglieria CAESAR 155/52 mm per la Repubblica Ceca

Il Ministro della Difesa della Repubblica Ceca, Lubomír Metnar,...