venerdì, Luglio 23, 2021

Sensori avanzati e cannoniere volanti per l’Aeronautica Militare

-

In arrivo buone nuove per l’Arma Azzurra, circa due programmi molto importanti per le capacità della Forze Armate e del Paese in grado di consentire una superiorità strategica fondamentale nel quadro del Mediterraneo.

JAMMS e CAEW

Come confermato dal Ministro Guerini nella sua recente audizione parlamentare, il Governo ha intenzione di acquisire 8 nuove piattaforme aeree speciali CAEW (Coformal Airborne Early Warning) e JAMMS (Joint Airborne Multisensor Multimission System) oltre le 2 già in servizio, così da conseguire l’esigenza espressa di 10 velivoli (6 CAEW e 4 JAMMS).

In particolare, questi 8 velivoli saranno basati su piattaforma Gulfstream G-550 e saranno così suddivisi: 4 CAEW e 4 JAMMS.

Nel DPP 2020-2022 sono già stati stanziati più di 1,2 miliardi di euro per l’acquisizione dei 4 JAMMS.

È ora giunto alle Commissioni parlamentari il relativo schema di decreto di approvazione: “Programma pluriennale di A/R SMD 03/2020, relativo all’acquisizione, funzionamento e supporto di una piattaforma aerea multi-missione e multi-sensore per la condotta di attività di caratterizzazione, sorveglianza e monitoraggio della situazione tattico-operativa, di supporto decisionale di livello strategico e operativo, di Comando e Controllo (C2) multi-dominio e di protezione elettronica”.

Riporto ora, per semplice onor di cronaca, (da prendere con le pinze) alcuni dettagli secondo l’utente “Rioba” su Forum Difesa.

Secondo l’utente si prevedono 8 velivoli, di cui 2 completi della suite elettronica e 6 “green”, cioé solo piattaforma aerea che verrà poi “allestita” con con le relative dotazioni operative mano a mano che saranno disponibili i fondi e in funzione degli aggiornamenti tecnologici. C’è la possibilità di una possibile cooperazione con Australia.

Sarebbe inoltre previsto, in Italia, un centro di manutenzione che potrebbe servire anche altri utilizzatori del Gulfstream.

C-27J Praetorian

Direttamente dai Castra Praetoria, dopo anni di silenzio, finalmente è tornato: il C-27J nella sua versione di cannoniera volante (anche detta MC-27J).

Ebbene, lo Stato Maggiore dell’Aeronautica ha dato mandato alla DAAA di provvedere a perfezionare l’iter tecnico-amministrativo finalizzato allo sviluppo (e l’acquisizione di materiale non già disponibile presso l’Amministrazione Difesa) di un sistema missione denominato “Praetorian” in configurazione iniziale Initial Operational Capability (IOC) e successiva integrazione sul velivolo C-27J (Lupo 83), come da bozza di requisito tecnico allegato che prevede l’emissione in questa fase di una Certificazione Tecnico Operativa di Forza Armata.

Il programma (che inizialmente prevedeva 3 kit) finalmente è ripartito.

Atto del governo 223

Ultime notizie

Continua il percorso di successo di Elettronica nei programmi di Difesa Europea, iniziato nel 2017 con la partecipazione alle...
Il Ministro della Difesa del Regno Unito, Jeremy Quin, ha annunciato di aver esercitato l'opzione per ricevere tredici ulteriori...
Il programma per i nuovi sottomarini d'attacco a propulsione nucleare dell'U.S. Navy sta ancora muovendo i primi passi ma...
È stato firmato un contratto da 195 milioni di sterline per altri 13 velivoli Protector RG.1 all'avanguardia. Il Ministro della...

Da leggere

Primi MH-60R per la Marina Indiana

La Marina Indiana ha accettato i primi due dei...

Rheinmetall presenta il primo concept della terza generazione del Future Soldier-Expanded System tedesco

Rheinmetall ha presentato alla Bundeswehr un primo concept completo...