Bombardiere cinese H-6K armato di missili KD-63 sorvola il confine con l’India

0
245

La CCTV cinese ha mandato in onda un servizio l’11 novembre scorso per commemorare il 72° anniversario della costituzione della Forza Aerea del Esercito Popolare di Liberazione (PLAAF).

In tale video in si poteva vedere un bombardiere H-6K che sorvolava le montagne, a detta della CCTV, l’imponente catena montuosa dell’Himalaya.

Il bombardiere H-6K in questione era armato con missili aria-superficie KD-63 o YJ-63, un missile da crociera per attacchi a corto raggio (LACM), accreditato di un raggio d’azione di 200 km.

Il KD-63 può essere armato con testata nucleare da 20-90 kt o con testata esplosiva convenzionale da 500 kg.

Il missile è dotato di un sistema di guida inerziale INS mentre nella fase finale è guidato da un sistema di guida terminale elettro-ottico ed è accreditato di un CEP (Circular Error Probable) di 6 metri. E’ propulso da un turbogetto a propellente liquido che permette al missile di raggiungere velocità altamente subsoniche.

L’YJ-63 ha raggiunto la capacità operativa iniziale nel 2004 ed è impiegato dai bombardieri H-6H ed H-6K per colpire obiettivi terrestri e navali.

Il bombardiere H-6K è accreditato di un raggio d’azione attorno i 3500 km ed è abilitato al trasporto ed al lancio di missili da crociera a lungo raggio CJ-20, un missile per attacchi contro obiettivi terrestri e di superficie accreditato di una portata di ben 2000 km.

Tale combinazione rende il binomio H-6K/CJ-20 in grado di colpire buona parte dei possibili obiettivi nell’area del Indo-Pacifico.

Lo Xian H-6K è una versione migliorata del H-6, rivelata per la prima volta nel 2007, una versione radicalmente ammodernata del H-6 nei motori, nell’avionica e nel raggio d’azione.

Il messaggio della televisione cinese è chiaro: l’Aeronautica di Pechino è in grado di inviare i suoi bombardieri strategici ovunque anche a forte distanza dalle basi, ed è in grado di impiegare armamenti come i missili KD-63 ,e CJ-20 in grado di mettere in difficoltà le difese anche più attrezzate.

Per l’India non è una buona notizia, considerato che il piano di sostituzione dei vecchi caccia dell’Aeronautica non è ancora partito, frenato dai continui cambiamenti dei requisiti e da manovre lobbistiche e politiche.

L’unica consolazione per Nuova Delhi è la iniziale recente distribuzione (Washington permettendo) dei sofisticati sistemi d’arma di difesa aerea/antimissile a lungo raggio S-400 di fabbricazione russa, con i quali può controbilanciare in parte la PLAAF sempre più dotata di aerei ed armamenti di tecnologia avanzata.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui