fbpx

Space Systems Command seleziona Lockheed Martin per la progettazione anticipata dei prossimi due satelliti Mobile User Objective System

Lo Space Systems Command della US Space Force ha recentemente assegnato a Lockheed Martin un contratto a prezzo fisso del valore di 66 milioni di dollari per attività di riduzione del rischio e lavori di progettazione iniziale a sostegno del Programma MUOS (Mobile User Objective System) Service Life Extension (SLE).

MUOS è una rete satellitare che fornisce alle Forze Armate Statunitensi comunicazioni voce e dati ad altissima frequenza (UHF). La costellazione MUOS è composta da quattro satelliti attivi ed uno di riserva in orbita, tutti costruiti e gestiti da Lockheed Martin. Il programma SLE estenderà questa capacità avanzata fino al 2030 aggiungendo altri due satelliti MUOS per consentire la continuazione di quattro satelliti pienamente operativi, con pezzi di ricambio che supportano i canali UHF legacy.

MUOS SLE Fase 1 prevede un periodo base di un anno con la possibilità di un’opzione aggiuntiva di sei mesi. Il periodo base è destinato a ridurre i rischi attraverso le prime attività di progettazione a supporto dell’acquisizione della Fase 2 per la progettazione finale e la produzione di due veicoli spaziali. MUOS SLE Phase 2 è un concorso separato per la progettazione finale, la produzione, il test dei veicoli spaziali e la consegna alla US Space Force per il lancio entro il 2030.

Il MUOS fornisce la forma d’onda avanzata WCDMA (Wideband Code Division Multiple Access), offrendo ai militari sul campo 10 volte la capacità di comunicazione del sistema UHF SATCOM legacy, supportando al contempo l’interoperabilità con i terminali UHF legacy. Nel 2017 MUOS è stato approvato per l’uso precoce e le prove, compreso l’uso durante le missioni di risposta umanitaria e di soccorso in caso di catastrofe, con il sistema ritenuto cyber-sopravvissuto e approvato per l’uso in ambienti di guerra nel 2019 dopo rigorosi test.  

Più recentemente, il Canada è diventato il primo Paese partner ad accedere con successo al sistema SATCOM globale a banda stretta MUOS, segnando un’importante pietra miliare a livello internazionale per il programma.

Fonte e foto @Lockheed Martin

Latest from Blog

Ultime notizie