fbpx

Steadfast Defender 2024 per la NATO

Su strada, ferrovia, mare e aria : la forza di reazione rapida della NATO è stata incaricata di raggiungere la Polonia nell’ambito dello Steadfast Defender 2024, la più grande esercitazione della NATO degli ultimi decenni.

La Very High Readiness Joint Task Force (VJTF) della NATO è attualmente guidata dal Regno Unito e comprende personale militare di altri otto alleati della NATO: Albania, Ungheria, Lettonia, Macedonia del Nord, Polonia, Romania, Spagna e Turchia.

Le truppe di questi Paesi hanno effettuato un rapido dispiegamento nell’ambito della esercitazione Brilliant Jump 2024 , raggiungendo in pochi giorni i campi di addestramento in Polonia. Una volta lì, hanno preso parte all’esercitazione Dragon 2024 guidata dai Polacchi, che ha incaricato le forze di reazione rapida di respingere un’invasione simulata.

Le attività facevano parte dell’esercitazione Steadfast Defender 2024. Coinvolgendo 90.000 forze di tutti i 32 alleati , l’esercitazione sta testando i nuovi piani di difesa regionale della NATO con personale che pratica dispiegamento e combattimento rapidi sia in Norvegia che in Polonia. Steadfast Defender 2024 è in corso da gennaio fino a maggio 2024.

Steadfast Defender 24 è divisa in due parti sovrapposte. Ciascuna fase dell’esercitazione comprende una serie di esercitazioni associate ospitate da diversi Paesi.

La prima parte si concentra sul rinforzo transatlantico: lo schieramento strategico delle forze nordamericane attraverso l’Atlantico verso l’Europa continentale. Questa fase comprende esercitazioni marittime dal vivo e addestramento all’assalto anfibio nel Nord Atlantico e nei mari artici.

La parte 2 si concentra su esercitazioni multi-ambito in tutta Europa, dimostrando le capacità militari della NATO, nazionali e multinazionali. Questa fase metterà alla prova anche il rapido dispiegamento di truppe ed equipaggiamenti oltre i confini all’interno dell’Alleanza.

Fonte e foto @NATO

Articolo precedente

Addestramento warfighting per “Genova Cavalleria” e “Lancieri di Novara”

Prossimo articolo

Ad Andøya una stazione satellitare norvegese e statunitense

Ultime notizie