fbpx

System Critical Design Review per EGNOS V3

Airbus ha superato con successo la System Critical Design Review (CDR) del sistema di potenziamento basato su satellite EGNOS V3. 

EGNOS V3 (European Geostationary Navigation Overlay Service) è progettato per aggiungere funzionalità di sicurezza chiave per le applicazioni più critiche per la sicurezza, come la navigazione e l’atterraggio degli aerei, e fornirà servizi completamente nuovi per gli utenti marittimi e terrestri. 

EGNOS V3 è la seconda generazione del sistema di sovrapposizione e migliorerà le prestazioni di GPS e Galileo.

La nuova generazione V3 di EGNOS sviluppata da Airbus introdurrà nuovi servizi basati su più frequenze di più costellazioni (GPS, Galileo) e integrerà una sofisticata protezione di sicurezza contro gli attacchi informatici. 

Il System CDR copre la progettazione funzionale, le interfacce esterne, le operazioni, la sicurezza, la verifica dell’integrazione, la qualificazione e l’implementazione.

François Gaullier, Head of Telecommunications & Navigation Systems di Airbus, ha dichiarato: “EGNOS è un servizio chiave in tutta Europa di cui molte persone non hanno mai sentito parlare, ma è essenziale per così tante applicazioni, dal controllo del traffico aereo alle operazioni marittime, e Airbus si impegna a sviluppare ulteriormente il servizio. Raggiungere questo traguardo chiave entro la fine dell’anno porta i miglioramenti nelle prestazioni dei sistemi di navigazione satellitare per le applicazioni critiche per la sicurezza a un passo avanti“.

Javier Benedicto, direttore della navigazione presso l’ESA, commenta: “La revisione di successo conferma che EGNOS V3 multi-costellazione e multi-frequenza sarà un significativo impulso in avanti nell’aumento del satellite. Il prossimo EGNOS V3 segnerà un significativo passo in avanti ampliando la precisione, la robustezza e la copertura complessiva di EGNOS, grazie all’uso di frequenze multiple sia dal GPS che da Galileo.”

Jean-Marc PIEPLU, responsabile del programma di sfruttamento di EGNOS presso l’Agenzia dell’Unione europea per il programma spaziale (EUSPA), ha sottolineato che “la maggiore robustezza di EGNOS V3 consentirà all’Europa di sviluppare ulteriormente la sua resilienza e agli attori europei di continuare a sviluppare applicazioni multimodali. È concentrandosi sulla sicurezza e la protezione degli utenti che l’EUSPA continua a lavorare allo sviluppo di EGNOS insieme ai partner istituzionali e industriali.”

EGNOS V3 si basa su tre centri operativi e 44 stazioni di monitoraggio in tutta Europa e oltre. Monitora i segnali dei sistemi di navigazione satellitare e genera messaggi di aumento, trasmessi a tutti gli utenti utilizzando i transponder sui satelliti geostazionari. 

All’inizio del 2018 Airbus si è aggiudicata il contratto principale per la fase di implementazione di EGNOS V3 dall’ESA per conto dell’Agenzia dell’Unione europea per il programma spaziale (in precedenza GSA).

Airbus sta attualmente costruendo la prossima generazione di satelliti Galileo che miglioreranno la precisione del sistema nonché la robustezza e la resilienza del suo segnale, che sarà fondamentale per il prossimo decennio digitale. 

Forniranno nuove capacità basate su tecnologie altamente innovative come antenne configurabili digitalmente, collegamenti tra satelliti, nuove tecnologie dell’orologio atomico e sistemi di propulsione completamente elettrici. 

Il nuovo veicolo spaziale sarà anche più flessibile e riconfigurabile in orbita per soddisfare l’evoluzione prevista delle esigenze degli utenti finali.

EGNOS è una componente del programma spaziale dell’Unione europea ed è gestito nell’ambito dell’accordo di partenariato stabilito tra la direzione generale della Difesa, dell’industria e dello spazio della Commissione europea (DG-DEFIS), l’Agenzia dell’Unione europea per il programma spaziale (EUSPA ) e l’Agenzia spaziale europea (ESA).

Fonte ed immagini Airbus Media Relations

Articolo precedente

Firmato il contratto per il Dimostratore Fase 1B del FCAS/SCAF

Prossimo articolo

Condor Flugdienst prende in consegna il suo primo Airbus A330-900

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Latest from Blog

Altri quattro Gripen in Ungheria

Saab ha comunicato di aver sottoscritto un contratto con l’Amministrazione svedese dei materiali di difesa (FMV) ed ha ricevuto un ordine per…

Ultime notizie