domenica, Agosto 1, 2021

Taglio della lamiera per il primo OPV 58 S destinato al Senegal

-

Presso il cantiere PIRIOU di Concarneau si è svolta nei giorni scorsi la cerimonia del taglio della lamiera del primo dei tre OPVs-Offshore Patrol Vessels destinati alla Marina del Senegal. All’evento erano presenti il General Birame Diop, Capo di Stato Maggiore delle Forze Armate del Senegal e l’Ammiraglio Oumar Wade, Capo di Stato Maggiore della Marina senegalese.

L’OPV 58 S (Offshore Patrol Vessel) è un pattugliatore d’altura da 62 m dotato di notevole versatilità ed armamento che lo assimila ad una vera e propria corvetta. Robusto e duraturo, è dedicato a missioni di sorveglianza, identificazione ed intervento, rispondendo perfettamente alla varietà di missioni legate alla presenza marittima dello Stato.

Immagine

Oltre le sue capacità di proiezione, esso ha una capacità deterrente di prim’ordine grazie ai suoi sistemi d’arma che consentiranno alla Marina senegalese di garantirne superiorità marittima nell’area di interesse,

Tra le principali innovazioni e capacità, le navi in questione adottano un design molto versatile per configurare il vascello alle diverse missioni, sono dotate di una vasta passerella panoramica a 360 °, hanno un sistema di lancio/recupero rapido tramite rampa posteriore per 2 barche, hanno una carena del tipo C-Sharp®, hanno ampia autonomia con ottima tenuta di mare ed, infine, un sistema di controllo e combattimento ad alte prestazioni.

Immagine

Questi OPV saranno equipaggiati con missili anti-nave MBDA MARTE MK2/N dalla portata di oltre 30 chilometri, aventi capacità di “sparare e dimenticare”, con il sistema SIMBAD-RC che consente il dispiegamento di due missili MISTRAL, garantendo protezione contro missili anti-nave, aerei da combattimento, droni, elicotteri ed imbarcazioni veloci. L’ armamento sarà completato a prora da un impianto Leonardo da 76/62 mm dotato di scudatura profilata di disegno stealth, da due impianti Narwhal da 20 mm di Nexter posti nella parte posteriore scoperta della sovrastruttura e da un paio di mitragliatrici pesanti calibro 12,7 mm a controllo manuale.

Questi OPV avranno una lunghezza di 62,20 metri, larghezza di 6,50 metri, pescaggio di 3 metri. Lo scafo è costruito in acciaio mentre la sovrastruttura è allestita in lega leggera di alluminio. Il dislocamento si aggira attorno le 600 tonnellate. La velocità sarà di 21 nodi con autonomia di 21 giorni o 4500 miglia nautiche a 12 nodi. L’equipaggio sarà composto da 48 membri equamente suddivisi tra personale di servizio e personale di missione imbarcato. Gli OPV hanno un’area posta tra la “baia/rampa” dedicata al trasporto, rilascio e ricovero di due RHIB, e la sovrastruttura per trasportare due container da 20′.

Realizzato con il supporto e la competenza della controllata KERSHIP, una joint venture creata nel 2013 tra PIRIOU e Naval Group per lo studio e realizzazione di navi di lunghezza fino 95 metri per compiti militari, paramilitari, di polizia marittima e ricerca scientifica, il programma di costruzione di questi tre pattugliatori opererà per un periodo di 44 mesi, fino all’estate del 2024, con supporto logistico ed operativo assicurato per diversi anni a seguire a favore della Marina del Senegal.

Ultime notizie

Il Dipartimento di Stato di Washington ha dato parere favorevole ad una possibile vendita militare straniera (FMS) al Governo Israeliano...
Saab ha firmato un contratto con l'Ufficio federale tedesco per le attrezzature, la tecnologia dell'informazione e il supporto in...
Il 30 luglio 2021 è avvenuto il primo della nuova versione Integrated Functional Capability Four (IFC-4) del drone HALE...
Il velivolo simulatore in volo variabile NF-16D (VISTA) è stato rinominato come X-62A, a partire dal 14 giugno 2021.Il...

Da leggere

La LiG Nex1 sviluppa un CIWS con radar AESA

L'azienda sudcoreana LiG Nex1 sta sviluppando un Close In...

HENSOLDT vince il contratto per la sorveglianza dello spazio aereo tedesco

Hensoldt, fornitore di soluzioni di sensori, fornirà nuovi radar...