Taiwan: “I nostri missili capaci di colpire Pechino, ci pensino due volte ad invaderci”

0
132

Il Presidente dello Yuan Amministrativo della Repubblica di Cina, You Si-kun, ha pronunciato un discorso in diretta sul Taiwan Overseas Network circa le minacce della Repubblica Popolare di volver invadere l’isola di Taiwan.

You Si-kun ha sottolineato come sia necessario imparare dalla Guerra in Ucraina per il concetto di aiuto reciproco e che non si debba partire dal presupposto che il nemico non si muoverà mai ma agire in anticipo preparando le difese.

Secondo il Presidente le condizioni morfologiche e geografiche dell’isola di Taiwan renderebbero molto difficile per i cinesi poter conquistare l’isola.

I missili da crociera Yun Feng sarebbero infatti capaci di colpire un bersaglio posto a Pechino e sono gli unici missili a disposizione delle Forze Armate di Taiwan in grado di colpire la Cina centrale e settentrionale.

Per ammissione dello stesso You Si-kun quando è stato Primo Ministro di Taiwan non aveva potuto annunciare le reali capacità del missile in quanto in fase di sviluppo mentre ora è prodotto in serie.

Il Presidente You Si-kun ha affermato che la presenza di questi missili deve portare Pechino a “pensare due volte” prima di decidere di invadere Taiwan.

Come da tradizione orientale il succo del discorso viene ricondotto ad una semplice frase posta alla fine del discorso: “anche un cane morto ansimerà” per indicare con quale tenacia gli abitanti della Repubblica di Cina affronterebbero l’invasione della Repubblica Popolare.

Da sottolineare comunque come il Presidente abbia rimarcato il fatto che l’attuale sistema d’addestramento dei militari di leva è insoddisfacente in primis perché la durata è limitata a quattro mesi (rispetto ai due anni di Singapore) e poi perché passano intere settimana a tagliare erba, spazzare il suolo e spostare pneumatici.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui