giovedì, Febbraio 2, 2023

Taiwan non tollererà ulteriori violazioni dello spazio aereo nazionale

A Taipei in audizione parlamentare il Ministro della Difesa Chiu Kuo-cheng ha annunciato una decisa revisione della prassi sin qui seguita per le violazioni dello spazio aereo da parte dei velivoli cinesi.

Infatti, il Ministro Kuo-cheng ha dichiarato che i caccia ed i droni provenienti dalla Cina che violeranno lo spazio aereo di Taiwan saranno considerati come un “primo attacco” e trattati di conseguenza.

Questo comporterebbe l’impiego della forza per contrastare la minaccia aerea cinese entro il limite territoriale delle 12 miglia nautiche.

Peraltro, con buona approssimazione, l’avvertimento è indirizzato all’impiego sempre più massiccio di velivoli a pilotaggio remoto da parte dell’Aeronautica dell’Esercito Popolare di Liberazione; infatti, la PLAAF impiega un numero crescente di UAV/UAS per sorvolare l’isola di Taiwan per raccogliere informazioni di intelligence sul livello di approntamento delle difese.

Di qui, l’insofferenza taiwanese che valuta questi voli come minaccia alla sicurezza nazionale e l’adozione di idonee contromisure atte a contrastarli.

Il titolare del dicastero della Difesa ha voluto specificare che Taiwan non darà pretesti per creare conflitti, non saranno provocate controversie ma reagirà in modo proporzionato alla minaccia.

Foto US Navy

CORRELATI

POTREBBE INTERESSARTI