fbpx

Thyssenkrupp Marine Systems e Thales ammoderneranno le quattro fregate MEKO 200 HN della Marina Ellenica

Le società Thales Nederland e Thyssenkrupp Marine Systems hanno formato un consorzio per modernizzare le fregate greche MEKO 200 HN o classe Hydra.

Quattro navi di questo tipo sono attualmente in servizio nella Marina Ellenica e l’intento è quello di prolungarne la vita operativa tramite una completa modernizzazione.

Nell’ambito del programma di ammodernamento Thyssenkrupp Marine Systems si occuperà delle piattaforme navali, mentre Thales fornirà il sistema di combattimento con il sistema di gestione del combattimento TACTICOS.

Inoltre, Thales Nederland sarà il portavoce del consorzio con sede nei Paesi Bassi. La ricezione degli ordini è prevista per il 2024.

In base al comunicato, Thyssenkrupp Marine Systems si occuperà degli adeguamenti delle piattaforme navali provvedendo a subappaltare i relativi lavori ad un cantiere navale in Grecia.

Caratteristiche delle fregate Hydra

Le fregate classe Hydra hanno un dislocamento di 3.350 tonnellate, lunghezza di 117 metri, larghezza 14,8 metri e pescaggio di 6 metri.

Tali unità sono governate da un equipaggio con un massimo di 205 uomini ed hanno un sistema di propulsione con architettura CODOG (Combined Diesel Or Gas) su 2 turbine a gas LM2500 e 2 motori diesel MTU20V che permette di raggiungere una velocità massima superiore i 30 nodi ed un’autonomia di oltre 4.000 miglia nautiche a 18 nodi.

L’armamento delle fregate classe Hydra è costituito da 1 cannone da 127/54 mm, 2 sistemi per la difesa di punto (CIWS) Phalanx da 20 mm, 2 lanciatori quadrupli per missili antinave Harpoon, 2 lanciatori VLS MK 48 per missili superficie-aria Sea Sparrow/ESSM, 2 lanciasiluri tripli T/L Mk32 per siluri da 324 mm, 2 lanciatori SuperRBOC, 1 sistema antisiluro SLQ-25 Nixie ed 1 Argo ASPECTS II/AR-700.

Le MEKO 200 HN dispongono di ponte di volo ed hangar per un elicottero del tipo S-70B-6 Aegean Hawk.

Fonte Thyssenkrupp Marine Systems

Foto @Marina Ellenica

Articolo precedente

In Germania assegnato il contratto di sviluppo del sistema di difesa aerea a corto e brevissimo raggio

Prossimo articolo

Al via in Estonia il programma per una nave europea modulare semi autonoma

Ultime notizie