fbpx

Una nuova coppia di fregate FREMM per la Marina Militare

In occasione dell’audizione dinanzi alla Commissione Esteri e Difesa del Senato, il Capo di Stato Maggiore della Difesa (CSMD), Ammiraglio di Squadra Giuseppe Cavo Dragone, ha annunciato l’avvenuto inserimento nel DPP 2023 di due nuove fregate FREMM su indicazione del Ministro della Difesa Guido Crosetto.

L’Ammiraglio Cavo Dragone ha dichiarato la guerra in Ucraina ha accresciuto le responsabilità dell’Italia, non solo in ambito NATO, ma soprattutto nel Mar Mediterraneo e nel cd. “Mediterraneo allargato”. Infatti, il CSMD ha affermato che: “la domanda di sicurezza dello spazio mediterraneo è esplosa. L’insicurezza è ai massimi livelli ed il quadro complessivo tende al peggioramento”.

Proprio sul fronte sud del Mediterraneo la Difesa Italiana pone la massima attenzione perché: “dalla stabilità di questo quadrante, prioritario per l’Italia, dipende la sicurezza dei nostri confini e del nostro approvvigionamento energetico” ed ha aggiunto che: “come Difesa, abbiamo avviato un piano per potenziare la salvaguardia delle reti e delle arterie strategiche che attraversano il Mediterraneo, a partire dai gasdotti del Canale di Sicilia“.

A tutto questo, ovviamente, si aggiunge la rinnovata presenza della Marina Russa, molto più attiva nel Mar Mediterraneo sia con le unità di superficie, sia soprattutto con i sottomarini che operano nelle acque limitrofe alla penisola ed alle isole maggiori italiane.

Questo crea grossa preoccupazione nella Difesa Italiana che non abbonda di strumenti ed assetti per il contrasto antisommergibile, non ultima la annosa assenza, ormai non più sostenibile viste le attuali esigenze, di una moderna componente aerea di pattugliamento marittimo e guerra antisom (oltre di contrasto di superficie), tanto che si inizia a parlare di come affrontare seriamente il problema, guardando anche all’Estero.

La stessa componente di superficie atta al contrasto antisom si è andata via via diradando (stante anche l’assenza o, comunque, riduzione della minaccia subacquea che si è avuta tra il 1990 ed il 2014), con l’uscita di scena delle fregate Lupo e Maestrale, corvette Minerva e cacciatorpediniere Audace che hanno costituito l’ossatura della Marina Militare dagli anni Ottanta del passato secolo ai primi anni Duemila.

Pertanto, dopo le due fregate FREMM GP-E (Evolute) già impostate ed in via di allestimento per sostituire le due unità costruite per la Marina Militare e cedute in corso d’opera alla Marina Egiziana, sarà impostata una nuova coppia di unità del tipo FREMM che dovrebbe essere orientata alla lotta antisom, tornata ad essere prioritaria nel bacino del Mediterraneo.

La nuova coppia di unità riporterà il totale alle dodici fregate che la Marina Militare schierava nel 1980-2000 (c’erano pure le 2 vecchie Alpino e Carabiniere, ma una era divenuta nave esperienze e l’altra nave comando MCM) con 4 Lupo (poi sostituite da quelle ex irachene mai consegnate a causa del embargo deciso per la Guerra del Golfo, sia pure declassate a livello di pattugliatori, avendo sbarcato i sonar ed i lanciasiluri di tipo non in dotazione alla MM) e 8 Maestrale le cui ultime unità ancora in linea a breve saranno dismesse.

Sicuramente, da parte della Marina Militare, ma più in generale di tutta la Difesa, bisognerà affrontare la problematica del personale e, quindi, degli organici delle Forze Armate, considerato che l’attuale Capo di Stato Maggiore della Marina (CSMM), Ammiraglio di Squadra Enrico Credendino ha lamentato seri problemi per formare completamente gli equipaggi per le FREMM.

Nel corso della audizione parlamentare tenuta lo scorso mese di febbraio, il CSMM ha indicato in tre-sei fregate antisommergibile una delle priorità da affrontare in tempi rapidi vista l’evolversi della situazione in atto nei mari di nostro riferimento, oltre la componente di pattugliamento aereo (anche con velivoli a pilotaggio remoto di cui la MM è fin qui carente) e contrasto antisom.

Foto @Marina Militare Italiana

Articolo precedente

A Malta la cerimonia di consegna del OPV P71 costruito dal Cantiere Navale Vittoria

Prossimo articolo

La DGA ha lanciato il programma per le imbarcazioni di supporto subacqueo alla lotta antimine

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Latest from Blog

Ultime notizie