fbpx

US Navy e Royal Navy abbattono droni e missili nel Mar Rosso

Serata piuttosto convulsa è stata quella di ieri nelle acque del Mar Rosso, contrassegnata da un complesso attacco lanciato dagli Houthi contro le navi mercantili, peraltro, contrastato con successo dalla US Navy e dalla Royal Navy.

L’US CENTCOM (il Comando Centrale degli Stati Uniti) ha comunicato che nella serata di ieri, verso le 21:15 (ora di Sanaa), gli Houthi hanno lanciato un’azione complessa con diciotto UAV da attacco progettati dall’Iran (UAV OWA), missili da crociera antinave ed un missile balistico antinave dalle aree dello Yemen da loro controllate nel Mar Rosso meridionale, verso rotte di navigazione internazionali dove transitavano dozzine di navi mercantili.

Sono stati tracciati ed ingaggiati ben diciotto UAV OWA, due missili da crociera antinave ed un missile balistico antinave, tutti abbattuti da uno sforzo combinato di caccia Boeing F/A-18 lanciati dalla USS Dwight D. Eisenhower (CVN 69), dei cacciatorpediniere USS Gravely (DDG 107), USS Laboon (DDG 58), USS Mason (DDG 87) classe Arleigh Burke e HMS Diamond (D34) classe Type 45 o Daring della Royal Navy che ha impiegato missili Sea Viper (Aster 15 e 30) ed artiglierie.

Si è trattato del 26esimo attacco lanciato dagli Houthi contro le rotte commerciali del Mar Rosso dal 19 novembre scorso.

Nel corso dell’azione non sono stati segnalati feriti o danni a bordo delle navi sotto attacco.

L’USS CENTCOM ricorda che lo scorso 3 gennaio , 14 Paesi, compresi gli Stati Uniti e l’Italia, hanno rilasciato una dichiarazione congiunta, affermando che gli Houthi saranno considerati responsabili delle conseguenze, se dovessero continuare a minacciare vite umane, l’economia globale od il libero flusso di commercio nelle vie navigabili critiche della regione.

Sempre ieri, anche Singapore ha comunicato che parteciperà all’operazione multinazionale “Prosperity Guardian” lanciata dagli Stati Uniti nell’ambito della “Combined Task Force 153” per la sicurezza marittima nel Mar Rosso ed acque limitrofe.

Fonte e foto @U.S. CENTRAL COMMAND (US CENTCOM)

Articolo precedente

NSPA aggiudica un contratto multinazionale per sistemi di puntamento e di visione

Prossimo articolo

Israele rinforza le dotazioni di riservisti e forze di difesa locali nel nord del Paese

Latest from Blog

Ultime notizie