fbpx

Varata la fregata Kumano della Marina giapponese

La Kumano, seconda fregata della classe 30FFM della Marina giapponese, è stata varata durante un cerimonia a Okayama presso i cantieri Mitsui E&S.

I piani di Tokyo prevedono la costruzione fino a 22 unità in modo da affiancare e sostituire i cacciatorpedinieri nei compiti meno gravosi.

Il costo di ogni fregata si aggira attorno ai 461 milioni di dollari.

Otto fregate sono già sotto contratto ed il ritmo di produzione è due navi/anno in modo da arrivare al 2032 con tutte e ventidue le navi prodotte.

La FFM-2 è stata impostata il 30 ottobre 2019 e si prevede che possa entrare in servizio nel corso del 2022.

La fregata è intitolata in onore del fiume Kumano che scorre nella penisola di Kii per 183 km. E’ la terza unità della Marina giapponese a portare il medesimo nome dopo un incrociatore pesante della classe Mogami durante la II^ Guerra Mondiale ed un cacciatorpediniere durante la Guerra Fredda.

Tali unità sono state proposte all’Indonesia dove Fincantieri potrebbe presentare anch’essa una offerta.

30DX o 30FFM

Le unità classe 30FFM hanno un dislocamento attorno alle 5.000 tonnellate, una lunghezza di 130 metri ed una larghezza di 16 metri.

L’armamento è composto da un cannone Mk-45 a prua, due lanciatori quadrupli per missili anti-nave Type 17, un lanciatore SeaRAM, siluri leggeri Type 12 e 16 celle VLS Mk-41.

La propulsione è assicurata da una turbina a gas MT30 della Rolls Royce e due generatori diesel della MAN, in configurazione CODAG (Combined Diesel And Gas), in grado di spingere la fregata nipponica a più di 30 nodi.

OPY-1 installato sulle cacciatorpediniere classe Asahi

Il radar è l’OPY-2 AESA in banda X è derivato dall’FCS-3 già installato su diverse unità della Marina giapponese.

A completare la suite di sensori, l’OAX-3 per EO/IR, OQQ-25 composto dal sonar nel bulbo di prua e quello trainato e OQQ-11 per le operazioni cacciamine. Il tutto gestito dal CMS (Combat Management System) OYQ-1.

Fonte: NavalNews

Grande risalto viene dato ad un innovativo CIC (Combat Information Center) a pianta circolare molto caratteristico e avanzato. La circonferenza esterna è composta da 14 consolle multifunzione con tre schermi, al centro trovano posto altre quattro consolle per la gestione del lavoro e poco dietro due tavoli tattici per pianificazione e navigazione.

Le fregate sono anche in grado di svolgere missioni di “cacciamine” grazie all’impiego di mezzi a controllo remoto che di posare mine.

Punto di diamante delle navi è l’innativa plancia che sfrutta la realtà virtuale.

A bordo trovano posto un totale di 90 membri d’equipaggio.

Il Tweet

Articolo precedente

Leopard 2A7V o K2 Black Panther per la Norvegia

Prossimo articolo

Il Regno Unito aumenta il budget per la difesa di 18,6 miliardi di euro

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Latest from Blog

Ultime notizie