fbpx

Versione a controllo remoto dei TOS-1A “Solntsepek”

L’impianto di costruzione di macchine per il trasporto di Omsk (Omsktransmash, parte dell’azienda Uralvagonzavod della società statale Rostec) sta lavorando per dotare il lanciarazzi pesante (per i Russi lanciafiamme pesante) TOS-1A “Solntsepek” di sistema di comando e controllo remotizzato.

Il TOS-1A “Solntsepek” impiega razzi non guidati di calibro 220 mm dotati di una testata termobarica od incendiaria per bombardare la fanteria nemica e distruggere l’equipaggiamento militare e le fortificazioni con un’esplosione volumetrica (nel caso di impiego di testata termobarica).

Attualmente, il TOS-1A, montato su uno scafo del carro armato T-72, non ha un contraltare in Occidente neppure a livello dottrinario, dove si fa ricorso al MLRS dotato di razzi a guida di precisione con testata ad alto esplosivo od a sistemi di lanciarazzi di calibro minore per razzi esplosivi non guidati.

Sul TOS-1A Sono montati 24 razzi da 220 mm che pesano 217 kg; la gittata secondo alcune fonti sarebbe superiore ai 10 km; generalmente è accreditata una portata non superiore i 6 km.

Articolo precedente

Insediato ad Ancona il nuovo Comandante delle Scuole della Marina Militare

Prossimo articolo

Il concorso Fleet Solid Support della Royal Navy entra nella fase successiva

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Ultime notizie